La tecnologia al servizio della sicurezza alimentare: un’etichetta, smart tag, ci dirà se stiamo acquistando del cibo andato a male.

Un team di ricercatori del dipartimento di Scienza dei Materiali dell’Università di Milano-Bicocca, insieme a un gruppo di studiosi dell’Imperial College di Londra, ha messo a punto una particolare etichetta “smart” che potrà avvertirci qualora la merce che stiamo acquistando al supermercato è avariata. E lo farà con un semplice cambio di colore.

Questa etichetta, ribattezzata appunto smart tag, ovvero etichetta intelligente, funziona così: l’etichetta sarà trasparente ma, se la confezione su cui è applicata avrà subito una certa variazione della temperatura, dovuta all’interruzione della catena del freddo, assumerà un colore blu scuro. Questo se la variazione della temperatura sarà di oltre 5 gradi, e per più di 30 minuti consecutivi (la smart tag diventerà azzurra). Se invece il tempo supera le 3 ore, l’etichetta assumerà un colore blu scuro.

carne macinata

Le confezioni a cui saranno destinate le smart tag saranno quindi quelle che contengono carne, lattici, pesce e altri cibi che possono diventare avariati quando il freddo viene interrotto e la loro conservazione allo stato integro viene compromessa. In nessun modo la smart tag potrà essere contraffatta, una volta che è stata programmata e applicata sulla confezione.

Questo ci consentirà di non comprare cibi che possibilmente sono andati a male, permettendoci non solo di risparmiare dei soldi per un alimento che comunque butteremmo via, ma anche – e soprattutto – di salvaguardare la nostra salute, considerato che non tutti si accorgerebbero, solo dall’odore, che quel cibo non è più edibile.

Il progetto Thermochromic Latent-Pigment-Based Time–Temperature Indicators for Perishable Goods è stato coordinato dal prof. Luca Beverina dell’Università di Milano-Bicocca ed è stato pubblicato sulla nota rivista scientifica Advanced Optical Materials.

Leggi anche: Il veganismo fa risparmiare: la scelta salva spesa degli studenti inglesi

Fonte foto: wikipedia

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 15-10-2015


La buccia di mela aiuta a mantenere giovani i muscoli

Cake Festival Milano: un tuffo nella dolcezza