Le visciole sono parenti strette delle amarene, tuttavia se ne differenziano per alcuni aspetti. Scopriamo insieme quali sono.

Quando si parla delle visciole il primo pensiero va alla regione Marche che le ha rese un prodotto di spicco della sua tradizione. In altre zone questo frutto dall’aspetto simile a quello di ciliegie e amarene, viene utilizzato per la preparazione di dolci come marmellate, frutta sciroppata, ma anche vini particolari. Vediamo quindi di scoprire qualche informazione in più sulle visciole.

Cosa sono le visciole?

Le visciole sono un frutto che, come accennato, somiglia nell’aspetto alle ciliegie. Nasce su una pianta il cui nome scientifico è prunus cerasus, la stessa che dà origine anche alle amarene e ai maraschi. Se quindi vi state chiedendo che differenza c’è tra visciole e amarene la questione si complica.

Visciole
Visciole

Crescendo su piante appartenenti alla stessa famiglia che solitamente nascono selvatiche nei campi incolti, visciole, amarene e maraschi sono molto simili, almeno per uno sguardo inesperto.

In realtà, osservandole attentamente e assaggiandole si scopre che:

  • le amarene hanno un colore rosso chiaro e un sapore leggermente acido e amarognolo,
  • le visciole sono di colore rosso intenso e, sebbene leggermente acide, sono anche molto dolci.
  • Infine i maraschi, di colore rosso scuro, sono amari e acidi.

Tutti questi frutti si differenziano in modo più netto dalle ciliegie che tra l’altro crescono su un albero totalmente diverso noto come prunus avium. Anche gli utilizzi sono diversi: le ciliegie, considerate più pregiate, vengono solitamente consumate in purezza, mentre le visciole vengono trasformate per dar vita a prodotti a lunga conservazione.

Le proprietà delle visciole

Prima di concludere questo articolo che ci ha permesso di scoprire cosa significa visciole nella nostra tradizione, vale la pena citarne anche alcune proprietà. Le visciole infatti sono ricche di vitamina C e B, sali minerali (potassio, magnesio, fosforo e calcio), melatonina (utile per regolare il ritmo sonno/veglia) e beta carotene. Hanno inoltre proprietà antiossidanti, antinfiammatorie e antireumatiche.

Insomma, vale davvero la pena assaggiare le visciole, soprattutto tra giugno e luglio quando sono di stagione. A tal proposito, vi consigliamo di provare la nostra crostata con le visciole.


La torta al testo umbra è una ricetta da provare assolutamente

Poco conosciuti, i calissons sono un dolce francese davvero particolare