Aiutano a ricavare energia e regolano il funzionamento del sistema nervoso. Sono le importanti vitamine del gruppo B.

Le vitamine del gruppo B sono dei micronutrienti fondamentali per il corretto funzionamento del nostro organismo. Basti pensare che il nome stesso, vitamina, deriva da ammine della vita. Ci sono 8 vitamine del gruppo B, ciascuna delle quali assolve una funzione specifica. Conoscerle e sapere sia a cosa servono sia in quali alimenti si trovano è il primo passo per uno stile di vita più consapevole.

Quali sono le Vitamine B?

Sebbene si parli spesso di vitamina B, come accennato sopra le vitamine del gruppo B sono in realtà 8 e sono tutte vitamine idrosolubili. Ciascuna di esse assolve a un compito specifico e una carenza (detta ipovitaminosi), va diagnosticata per tempo così da garantire all’organismo tutti i nutrienti necessari. Le vitamine del gruppo B sono:

Vitamina B
Vitamina B
  • Vitamina B1 (tiamina); 
  • Vitamina B2 (riboflavina); 
  • Vitamina B3 (niacina); 
  • Vitamina B5 (acido pantotenico); 
  • Vitamina B6
  • Vitamina B7 (biotina); 
  • Vitamina B9 (acido folico); 
  • Vitamina B12 (cobalamina). 

Questi micronutrienti vengono assimilati nel fegato, in seguito alla digestione, ma il loro consumo è pressoché immediato. Pertanto, è di fondamentale importanza garantirne una costante integrazione attraverso la dieta.

Vitamina B: a cosa serve?

In generale possiamo dire che la Vitamina B è fondamentale per lo sviluppo psichico, motorio e sensoriale dell’organismo. Nello specifico però, ciascuna vitamina assolve a un compito.

La Vitamina B1 svolge essenzialmente il ruolo di coenzima, aiutando a trasformare gli alimenti (soprattutto glucidi) in energia. È anche importante per il sistema nervoso, quindi muscoli e cervello.

La Vitamina B2 è fondamentale per il funzionamento delle mucose, per il mantenimento della vista e per la produzione di globuli rossi.

Anche la Vitamina B3 (nota anche come Vitamina PP) contribuisce al normale funzionamento del sistema nervoso. Inoltre interviene nel metabolismo di glucidi, lipidi e protidi e nel mantenimento della salute della pelle.

La Vitamina B5 svolge un ruolo di primaria importanza nella sintesi degli ormoni steroidei e della Vitamina D. Garantisce anche le normali prestazioni mentali attraverso la sintesi di alcuni neurotrasmettitori.

La Vitamina B6 oltre a svolgere un ruolo primario nel sistema immunitario, garantisce anche le normali funzioni psicologiche e di sintesi dei globuli rossi.

Anche la Vitamina B7, come la precedenze, è importante per il mantenimento della funzione psicologica. A questo si aggiunge l’importanza per la pelle e i capelli.

La Vitamina B9 è l’elemento essenziale per la produzione dei globuli rossi. Riveste un ruolo primario soprattutto in gravidanza perché contribuisce alla crescita dei tessuti materni.

La Vitamina B12 infine, oltre nel sistema nervoso centrale, interviene nella produzione dei globuli rossi.

Sintomi dell’ipovitaminosi e integratori

Le cause che possono portare a ipovitaminosi sono diverse. Tra le prime c’è sicuramente la dieta, dal momento che è proprio attraversi i cibi che si assumono i nutrienti. In particolare, una dieta vegetariana o vegana, così come un’alimentazione con poca carne e pesce, può portare ad alcune carenze delle vitamine del gruppo B, una su tutte la B12.

Anche gli antibiotici inibiscono l’assimilazione delle vitamine a livello intestinale. Quindi solitamente il medico, dopo una cura di questo tipo, prescrive un’integratore a base di Vitamina B. Anche lo stress può essere combattuto con un’integrazione di Vitamine.

Tra i sintomi che possono segnalare un’ipovitaminosi ci sono stanchezza, debolezza, affaticamento, calo della vista, lesioni cutanee (soprattutto su bocca e labbra), disturbi digestivi e neurologici, anemia e disturbi psicologici. Solo un medico saprà consigliarvi nel modo corretto quali integratori di vitamine del gruppo B assumere e in che dosaggio.

In commercio infatti ci sono davvero moltissimi prodotti che non richiedono ricetta medica. Tuttavia, come consigliamo sempre, è fondamentale consultare il medico prima di assumere integratori o variare in modo sostanziale la propria dieta.

Come assumere la vitamina B con il cibo?

Abbiamo accennato al fatto che la Vitamina B, in tutte le sue forme, si trova negli alimenti e viene scomposta a livello intestinale prima di essere immagazzinata nel fegato. Ma per assumerle negli alimenti occorre sapere dove si trovano.

Carne pesce e formaggio
Carne pesce e formaggio
  • Vitamina B1. Si trova soprattutto nei cereali integrali, nel germe di grano, nei legumi e nei funghi. Nel mondo animale invece la troviamo in molluschi e fegato.
  • Vitamina B2. Anch’essa presente in cereali e funghi, è maggiormente concentrata negli alimenti di origine animale come uova, latte e pesce.
  • Vitamina B3. Si può trovare nei legumi ma ha concentrazioni maggiori nella carne (anche pollame), nel tonno, nel latte.
  • Vitamina B5. Anche lei si trova nel fegato, nei cereali integrali, nelle uova e nelle noci.
  • Vitamina B6. Oltre alle principali fonti già citate (cereali e fegato), è presente in alcuni vegetali come gli spinaci, i piselli e le banane.
  • Vitamina B9. Vegetali verdi (soprattutto asparagi), germe di grano, legumi ma anche fegato, reni e tuorli d’uovo sono la principale fonte di questo micronutriente.
  • Vitamina B12. Si trova solo in alimenti di origine animale come fegato, reni, carne, uova, pesce e molluschi pertanto deve essere obbligatoriamente integrata da coloro che seguono una dieta vegetale.

Ora che avete un quadro completo, vi sarà più facile assumere il giusto quantitativo di vitamina B.


La lasagna del futuro? È in un tubetto di dentifricio

Vitamina B12: poco conosciuta ma fondamentale per la salute