Esposte nel Cluster del caffè e nel padiglione di Slow Food

Uno dei protagonisti di Expo 2015 è senz’altro il caffè, che si può gustare in tutte le sue varietà e miscele provenienti da tutto il mondo: dall’arabica più antica portata dall’Etiopia, a quella più leggera del Burundi, passando per quella aromatica della Colombia. Se però si parla di espresso e di macchine per l’espresso si entra in un campo dominato dal Made in Italy così come italiano è Enrico Maltoni, il possessore della più grande collezione al mondo di queste macchine, esposta nel museo fondato in provincia di Milano e trasferita in parte all’esposizione universale. “Noi italiani siamo gli inventori, ma soprattutto manteniamo l’azienda leader di mercato. Col sistema tradizionale siamo i maggiori produttori al mondo e esportiamo circa il 70% del prodotto”.

Un primato conquistato in quasi 150 anni di innovazione continua. “C’è stata una forte evoluzione. I primi caffè, preparati con la macchina a vapore, richiedevano diversi minuti di preparazione, ma soprattutto il caffè era amaro, nero e bruciato perché non c’era una pressione tale da poter estrarre la crema. Quindi dai primo del Novecento fino al 1950 si è bevuto un caffè preparato con la macchina a vapore. Poi l’invenzione a Milano della macchina a pistone porta alla crema caffè, il risultato in tazza è ciò che beviamo oggi”.

Le macchine sono esposte all’Expo nel Cluster del caffè e hanno fatto tappa anche nel padiglione di Slow Food.

Fonte: askanews

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 07-09-2015


Bavarese al Caffè con Salsa al Cioccolato – VIDEO

Avanza l’esercito degli chef filippini, è nuovo trend nel mondo – VIDEO