Non solo dannoso per la forma fisica, il junk food è anche pessimo per la psiche: crea stati di ansia e depressione

Secondo diversi studi, il junk food, o cibo spazzatura, sarebbe la causa di ansia e depressione, oltre a essere dannoso per la salute.

Leggi anche: Scarti alimentari da servire ai clienti: The Real Junk Food Project

Lo conferma uno studio condotto in Iran e pubblicato su PubMed, che spiega il legame tra il junk food e l’insorgere di problemi psichici come ansia e depressione. Banditi quindi i cibi fritti, le bibite gassate, i dolci pieni di zuccheri raffinati e gli snack eccessivamente grassi.

E’ quindi totalmente sbagliata, la teoria secondo la quali si mangia qualcosa che piace per consolarsi nei momenti tristi: non c’è nessun legame spiegato scientificamente, anzi, il contrario.

Per questo studio, sono stati analizzati 3846 adulti tra i 22 e i 55 anni: si è constatato che chi seguiva una dieta più “disordinata” e ricca di junk food, era più propenso all’ansia e alla depressione.

E’ consigliabile quindi preferire frutta e verdura agli snack dolci troppi grassi o ai cibi eccessivamente fritti. Inoltre, meglio l’acqua o l’acqua aromatizzata rispetto alle bibite gassate troppo zuccherate.

A questa ricerca, si aggiunge quella della Columbia University che ha  dimostrato che i cibi ad alto indice glicemico, sono dannosi per il buon umore, specialmente nelle donne.

Ci si deve quindi rassegnare al fatto che il junk food non è solo nocivo per la linea, ma anche per la psiche, e la scusa di concedersi uno strappo alla regola nella dieta per consolarsi da una delusione o da un momento triste della giornata, non è più una scusa valida.

 

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 25-07-2015


Cristel Carrisi, figlia di Al Bano e Romina, è chef e conduce un programma di cucina

Zucchero di cocco, freekeh, harissa: le tendenze gastronomiche del futuro