Ingredienti:
• 70 g di cacao amaro
• 100 g di zucchero
• 200 ml di caffè
• 200 ml di latte fresco
• 300 ml di acqua
• panna montata q.b.
difficoltà: facile
persone: 4
preparazione: 5 min
cottura: 20 min

Il caffè milanese per eccellenza è la barbajada, una ricetta antica nata dall’unione di caffè e cioccolata che nel tempo ha conquistato anche i Re.

Sono pochi, anche all’interno del capoluogo meneghino, quelli che conoscono la barbajada. Questa sorta di caffè milanese nato nell’800 e molto in voga fino agli anni ’30, veniva servito solitamente insieme a una degustazione di dolci. Creato da Domenico Barbaja, prima garzone in un caffè, poi fondatore del Caffè dei Virtuosi di fianco al Teatro alla Scala, nasce dall’unione di cioccolata e caffè.

A oggi sono pochi i bar in cui è possibile degustare questa bevanda, ma i meneghini doc sanno bene dove trovarla. Ottima sia calda che fredda, viene servita all’interno delle coppette e completata con un generoso ciuffo di panna montata. Secondo alcune testimonianze storiche, il Re Vittorio Emanuele I non si alzava mai dal letto senza aver prima degustato una tazza di barbajada. Se voi non avete la fortuna del re di vedervi servire la barbajada a letto, non vi resta che prepararla seguendo la nostra ricetta!

9 ricette autunnali per la tua tavola

Barbajada
Barbajada

Come preparare la barbajada con la ricetta originale

  1. Per prima cosa preparate il caffè con la moka. Ve ne serviranno 200 ml quindi mettetene su una bella grande e, se avete ancora qualche dubbio su come prepararlo a regola d’arte, vi consigliamo di seguire la nostra guida per un caffè perfetto.
  2. Nel frattempo, riunite in un pentolino lo zucchero, il cacao amaro e l’acqua e mescolate con una frusta da cucina fino a che non ci saranno più grumi.
  3. Mettete il tutto sul fuoco e portate a bollore.
  4. Alla comparsa dei primi bollori, togliete dal fuoco e unite latte e caffè.
  5. Rimettete il pentolino sulla fiamma e lasciate addensare per 15 minuti, mescolando di tanto in tanto.
  6. Dividete la bevanda ancora calda in quattro tazze e completate con un ciuffo di panna montata.

Servite la barbajada ai vostri ospiti al posto del caffè, magari insieme alle tradizionali paste di meliga, e il successo è assicurato.

Conservazione

La babajada va consumata appena fatta o al massimo una volta raffreddata. Si ne sconsiglia la conservazione.

0/5 (0 Reviews)

ultimo aggiornamento: 04-07-2021


Nastrine: la ricetta delle merendine soffici e deliziose

Ricetta della marmellata di fichi fatta in casa