Ingredienti:
• 700 g di stoccafisso ammollato o baccalà dissalato
• 400 g di patate
• 1 spicchio di aglio
• 1 mazzetto di prezzemolo
• 1 limone bio
• sale e pepe q.b.
• olio extravergine di oliva q.b.
• 2 cucchiai di olive taggiasche
difficoltà: facile
persone: 6
preparazione: 15 min
cottura: 30 min

Direttamente dal ponente ligure arriva la ricetta del brandacujun, un baccalà mantecato con patate dal sapore intenso e dalla consistenza cremosa.

Il nome non lascia presagire nulla di buono eppure il brandacujun altro non è che stoccafisso mantecato. È un prodotto tipico del ponente ligure preparato con baccalà dissalato, patate e aromi come prezzemolo, succo di limone e aglio. Questo piatto tradizionale ligure nasce sulle barche dei marinai dove patate e pesce non mancavano mai.

Il significato di brandacujun deriva dal gesto di brandare, ossia roteare la pentola per amalgamare tutti gli ingredienti e ottenere così la caratteristica consistenza. Per quanto riguarda invece la seconda parte del nome la cui traduzione non è difficile da intuire, allude al fatto che tale operazione veniva svolta dal marinaio meno sveglio sulla nave, trattandosi di un computo piuttosto semplice.

Come pesare la pasta
e il riso senza bilancia?

brandacujun
brandacujun

Come preparare il brandacujun ricetta originale

  1. Per prima cosa tagliate a pezzetti il baccalà lasciando la pelle. Mettetelo in una pentola capiente, coprite con acqua fredda e portate a bollore.
  2. A questo punto aggiungete le patate sbucciate e tagliate a tocchetti e proseguite la cottura fino a che queste ultime non saranno tenere.
  3. Scolate tutti gli ingredienti, rimuovendo la pelle ed eventuali lische del pesce e stracciandolo con le mani.
  4. Tritate l’aglio privato dell’anima e il prezzemolo, poi mettetelo a rosolare con un filo d’olio in una padella dai bordi alti.
  5. Aggiungete lo stoccafisso sfilacciato e le patate leggermente schiacciate.
  6. Unite circa mezzo bicchiere di olio extravergine di oliva e abbassate la fiamma coprendo il tutto con un coperchio.
  7. Continuate a cuocere scuotendo la pentola in modo che il contenuto diventi quasi cremoso (si dice proprio brandare).
  8. Al termine della cottura profumate con la scorza e il succo del limone, regolate di sale e pepe, aggiungete le olive taggiasche e portate in tavola.

Il brandacujun è una ricetta veloce ottima da servire come antipasto, spalmato sui crostini di pane, oppure come secondo piatto. Se l’idea vi piace, vi consigliamo di provare anche il più classico baccalà mantecato, siamo certi che vi piacerà.

Se amate il baccalà, tuttavia, potete provare con la ricetta del baccalà in umido.

Conservazione

Il baccalà brandacujun si conserva in frigorifero ben coperto da pellicola per 2-3 giorni. Vi consigliamo di consumarlo a temperatura ambiente.

0/5 (0 Reviews)

Riproduzione riservata © 2024 - PC

ultimo aggiornamento: 13-05-2024


Tiramisù con il Bimby

Frittelle di mele in friggitrice ad aria

I commenti dei nostri lettori

Lascia un commento

2 Commenti
Più vecchi
Più recenti
Feedback in Linea
Visualizza tutti i commenti
Luisella Pitto
Luisella Pitto
5 giorni fa

Il brandacujun è fatto con lo stoccafisso ammollato e NON!!! con il baccalà… Stesso pesce, ma diverse forme…

Redazione
4 giorni fa
Rispondi a  Luisella Pitto

Ciao Luisa,

hai assolutamente ragione nella ricetta originale si usa lo stoccafisso ammollato, negli ingredienti abbiamo infatti segnalato la possibilità di utilizzare entrambi prediligendo il baccalà essendo (secondo noi) più semplice da utilizzare.

L’abbiamo provato ed è venuto buonissimo anche in questo modo. 👩‍🍳🧑‍🍳
Grazie mille per il Tuo prezioso contributo.