Ingredienti:
• 4 caccavelle
• 6 cucchiai di olio d'oliva
• sale q.b.
• pepe q.b.
• basilico q.b.
• 2 cipolle
• 1 costa di sedano
• 1 carota
• 800 ml di salsa di pomodoro
• 150 g di carne di suino tritata
• 150 g di salsiccia
• 1 bicchiere di vino rosso
• 200 g di ricotta
• 200 g di mozzarella
• parmigiano grattugiato q.b.
difficoltà: media
persone: 4
preparazione: 10 min
cottura: 50 min
kcal porzione: 450

Le caccavelle alla sorrentina sono un prodotto tipico campano, una particolare pasta da riempire con sugo e mozzarella e cuocere in forno.

Con questa semplice ricetta, possiamo capire come preparare le caccavelle alla sorrentina nella nostra cucina. Si tratta di un primo piatto al forno, molto gustoso e sostanzioso, che arriva dalla tradizione gastronomica della Campania. Il nome si deve alla particolare pasta usata per comporlo; le caccavelle consistono in una sorta di conchiglioni molto grandi – quelli più tradizionali sono lunghi 9 cm -, che sono tipici della città di Gragnano.

Nella ricetta originale, vengono lessati e riempiti con ragù, mozzarella, carne tritata e ricotta. La cottura finale va fatta in forno e, come la tradizione vuole, la pasta ripiena va cotta in tegami in coccio. Con la mozzarella (meglio se di bufala) filante e arricchito di carne tritata, questo primo piatto è talmente sfizioso che non vedrete l’ora di gustarlo.

Caccavelle alla sorrentina
Caccavelle alla sorrentina

10 ricette detox per tornare in forma

Preparazione della ricetta per le caccavelle alla sorrentina

  1. Per cominciare, insaporite la salsa. Prendete una padella con fondo antiaderente e versate 3 cucchiai di olio d’oliva.
  2. Aggiungete una cipolla tritata e fatela appassire sul fornello, per poco meno di 10 minuti. Al termine, versate la salsa di pomodoro e salate.
  3. Lasciate cuocere altri 10 minuti a fuoco dolce, spezzettando delle foglie di basilico. Il sugo deve rimanere abbastanza fluido.
  4. Nel frattempo, tritate le verdure: sedano, carota e l’altra cipolla. Mettete il tutto in un tegame, aggiungete a filo 3 cucchiai di olio d’oliva; poi, fate dorare a fuoco dolce.
  5. Una volta fatto, sgranate la salsiccia e aggiungetela nel tegame, insieme all’altra carne macinata.
  6. Lasciate rosolare la carne e mescolate continuamente con un cucchiaio in legno, spezzettandola ulteriormente.
  7. Quando la carne appare rosolata, sfumate con il vino rosso. Dopo che il liquido evapora, salate e pepate e, quando è pronta, spegnete il fuoco.
  8. Quando i due ragù sono pronti, dedicatevi alla pasta. Portate a ebollizione una pentola piena di acqua salata e immergetevi le caccavelle. Lessatele per 15 minuti, mantenendo dolce il bollore.
  9. Nel frattempo, versate la ricotta in un recipiente e sgretolatela con cucchiaio; a parte, tagliate la mozzarella a cubetti.
  10. Terminata la cottura, scolatele e fate attenzione a eliminare l’acqua dal loro interno; poggiateli su un piatto.
  11. Prendete le quattro terrine e riempite ciascuna con un mestolo di salsa di pomodoro, poi posizionate al centro una caccavella.
  12. Riempite ciascun conchiglione con mezzo mestolo di salsa di pomodoro, 50 g di ricotta (circa 3 cucchiai), 1/4 del ragù bianco e 1/4 della quantità totale di pezzi di mozzarella.
  13. Ricoprite ciascuna caccavella con altra salsa di pomodoro, poi spolverizzate una manciata di parmigiano grattugiato.
  14. Fate cuocere in forno a 200°C per 30-40 minuti. Al termine, fate intiepidire e servite subito!

Conservazione

Le caccavelle alla sorrentina sono un primo piatto tradizionale della Campania che conquista tutti. Sono talmente buoni che sarà impossibile non finire tutto il piatto; se avanza, potete tenerlo solo qualche ora nel tegame in coccio e riscaldarlo per la sera, perché la conservazione è sconsigliata.

Con un gusto tutto diverso ma ugualmente genuino, c’è la più tradizionale pasta alla sorrentina.

4.5/5 (4 Reviews)

Riproduzione riservata © 2024 - PC

ultimo aggiornamento: 10-12-2022


Grazie chef Grant per aver nobilitato la torta di pere!

Broccoli e salmone: l’abbinamento perfetto per condire la pasta