Per molti la cacio e pepe è una sfida persa in partenza. E se invece, vi mancassero solo i consigli giusti per preparala alla perfezione?

Ci risiamo: avete provato per l’ennesima volta a fare una cacio e pepe perfetta, ma non c’è nulla da fare. Viene sempre un grumo unico di formaggio, o è poco cremosa, oppure il cacio fila. Prima di demordere e ordinarla da asporto, provate a dare un’occhiata a questa raccolta di consigli pensata proprio per chi non sa più da che parte girasi. Perché privarsi di una ricetta così buona? Scoprite con noi quali sono gli errori più comuni nel preparare la cacio e pepe e qualche trucchetto infallibile (per davvero) raccolto da chi, prima di riuscirci, le ha provate davvero tutte!

Per iniziare, ovviamente, vi lasciamo la nostra ricetta della cacio e pepe. Procuratevi tutto il necessario e diamo il via ai consigli!

Attenzione al calore

Il primo motivo per cui (forse) la cacio e pepe non viene è l’eccessivo calore: non bisogna infatti avere il fornello acceso, proprio come quando si fa la carbonara. La giusta temperatura della cremina a base di formaggio grattugiato e acqua di cottura è di circa 65°C: oltre i 70°C il cacio inizierà a fare i grumi.

Un metodo infallibile per chi le ha già provate tutte – o quasi – è il seguente:

  1. Realizzate la cremina con il formaggio grattugiato e l’acqua (per regolarvi, la proporzione è più o meno 1:1).
  2. Scolate la pasta all’interno di una terrina bella capiente – meglio se non in plastica.
  3. Aggiungete la cremina di cacio e pepe e mescolate con forza finché non sarà un tutt’uno con la pasta!
  4. Completate con pepe macinato fresco.

Per riprendere un famoso detto, vedrete che: lontano dal fuoco, lontano da grumi!

9 ricette autunnalli per la tua tavola

cacio e pepe fallita con grumi di formaggio
cacio e pepe fallita con grumi di formaggio

E il formaggio?

Il pecorino romano è sacro e – rigorosamente – l’unico formaggio ammesso: non stiamo certo qui per consigliarvi di sostituirlo! Però, è possibile che ne usiate uno troppo stagionato (e quindi con meno acqua all’interno). Vi suggeriamo di acquistarlo già grattugiato e abbastanza fresco.

Ebbene sì, vi abbiamo appena consigliato il formaggio in sacchetto. Credeteci, sappiamo bene che sembra un eresia, ma se il vostro problema è l’umidità potrebbe essere la svolta.

Non esagerate con l’acqua di cottura

È vero che vogliamo un risultato bello cremoso ma se vi siete ritrovati anche voi con un piatto che ricordava degli spaghetti in brodo di cacio, allora avete sicuramente esagerato con l’acqua.

Se nulla funziona… burro

Siamo forse impazziti? No, lo sappiamo bene che nella cacio e pepe non ci va il burro (e nemmeno l’olio) ma se siete in cerca di trucchetti potrebbe fare al caso vostro.

  1. Appena è cotta, scolate la pasta.
  2. A fuoco spento, mettete un pezzetto di burro, seguito da pecorino. Mescolate bene e infine completate con del pepe.

Magari riuscirete a convincere anche i puristi della cucina romana!

ultimo aggiornamento: 04-05-2021


Metodo Bastianich: le regole per avere successo (nella ristorazione)

Come pulire i calamari: tutti i passaggi (con foto)