Ingredienti:
• 3 cespi di lattuga romana
• 2 fette di pane tipo miccone
• 2 spicchi di aglio
• olio evo q.b.
• 1 uovo
• 1 cucchiaino di succo di limone
• 1 cucchiaino di aceto
• 1 cucchiaino di salsa worchester
• 125 ml di olio di semi
• sale q.b.
• pepe q.b.
• 60 g di parmigiano in scaglie
difficoltà: facile
persone: 4
preparazione: 15 min
cottura: 5 min

La caesar salad è una vera e propria istituzione tra le insalate e si presta ad essere sia un antipasto che un piatto unico. Scopriamo come prepararla

La caesar salad è diventata la ricetta dell’insalata per eccellenza. Fresca e semplice da preparare, è un antipasto davvero gustoso che all’occorrenza diventa quasi un piatto unico. I segreti sono due. Gli ingredienti della Caesar salad, facilmente reperibili, al di là del fatto che questa ricetta si presta a diverse interpretazioni, a seconda dei gusti.

E poi la salsa, fondamentale se volete realizzare l’originale ricetta della Caesar salad: è a base di Worchester, che combinata ad altri ingredienti dà vita alla salsa perfetta per questa ricetta. Cominciamo ora a preparare la ricetta, passaggio dopo passaggio.

Caesar salad, ricetta originale: come prepararla

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Caesar Salad
Caesar Salad
  1. Come prima cosa staccate le foglie dalla lattuga romana e lavatele sotto acqua corrente. Spezzettatele poi con le mani e adagiatele in un’insalatiera.
  2. Tagliate il pane a fette di un centimetro e ricavatene poi dei cubetti. Friggeteli in padella con olio e aglio. In base all’intensità di sapore che desiderate potete lasciarlo in camicia oppure unirlo tritato. Quando i crostini saranno dorati e croccanti scolateli e teneteli da parte.
  3. Preparate la salsa caesar, quella che esalta il gusto del piatto. In un mixer con le lame (va bene sia il Bimby che un frullatore ad immersione) unite l’uovo, il succo del limone, l’aceto, la salsa worchester, sale e pepe e un pezzetto di aglio. Frullate aggiungendo a filo l’olio in modo da ottenere una salsa simile alla maionese.
  4. Ora che tutti gli ingredienti sono pronti, aggiungete i crostini e le scaglie di parmigiano all’insalata e condite con la salsa.

Se vi è piaciuta la ricetta della caesar salad, scoprite il video della preparazione.

Caesar salad: le varianti

Negli anni il piatto è stato rivisto e interpretato svariate volte, anche da chef del calibro di Gordon Ramsay. Le varianti più famose della caesar salad prevedono l’aggiunta di pollo alla griglia sfilacciato, bacon croccante e filetti di acciughe. A voi la scelta se gustarla semplice o personalizzarla!

Conservazione

Consigliamo di conservare la Caesar salad in frigorifero, ben chiusa ermeticamente, per 24 ore al massimo. Come tutti i piatti già conditi, anche questa insalata potrebbe perdere di croccantezza se non consumata nel giro di poche ore.

Caesar Salad: perché si chiama così? La storia

Questa insalata è nata per mano di uno chef italiano, Cesare Cardini, migrato oltre oceano subito dopo la seconda guerra mondiale, è diventata ben presto un’istituzione. Ed ecco il motivo per cui la si conosce con quel nome, che italianizzato sarebbe insalata caesar.

Nacque quasi per caso il 4 luglio 1924, giorno in cui si festeggia l’indipendenza, quando Cesare si trovò a dover sfamare un’ondata improvvisa di ospiti al suo ristorante. Diede vita così a un piatto che univa sapori tipici italiani come il Parmigiano, la lattuga e l’olio extravergine di oliva, ad altri americani come la salsa Worchester. Con questa, infatti, preparò la mitica salsa caesar, una sorta di maionese con una nota sapida data dalla salsa Worchester.

5/5 (1 Review)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

Antipasti freddi

ultimo aggiornamento: 23-06-2022


Granita all’amarena: come prepararla con e senza il Bimby

Muffin ai mirtilli senza glutine, un boccone tira l’altro!