Sono veramente tantissime le vicende che hanno segnato la vita dello chef Filippo La Mantia, a partire dal carcere. Ecco tutto quello che non sapete su di lui.

Lo chef Filippo La Mantia è nato il 26 settembre del 1960 a Palermo. Tradizionalista e amante della sua Sicilia, la famiglia di Filippo è la classica famiglia allargata. Dai divorzi al carcere “per sbaglio”, ecco quello che non sapete sul famosissimo chef siciliano.

Chi è Filippo La Mantia?

Filippo inizia a spadellare dietro ai fornelli a soli 14 anni, ma ancora non sa che quella sarebbe diventata la sua passione più grande. Nei suoi vent’anni, infatti, Filippo è stato un fotoreporter. I suoi scatti dell’omicidio del generale dalla Chiesa sono stati pubblicati anche sulle prime pagine dei giornali locali siciliani.

Filippo La Mantia
Filippo La Mantia

A 25 anni, però, il disguido; come raccontò a Panorama, Filippo si ritrova nel carcere dell’Ucciardone. Coinvolto nell’indagine riguardo all’omicidio del vicequestore aggiunto Ninni Cassarà, Filippo passa sei mesi in una cella di 18 metri quadri con altre 11 persone. La Mantia è stato incluso tra i sospetti perché si credeva che i proiettili che uccisero Cassarà fossero partiti dall’appartamento di cui Filippo risultava l’ultimo affittuario. L’allora fotoreporter, però, lasciò quell’appartamento ben 8 mesi prima e non poteva, quindi, essere coinvolto in nessun modo con l’omicidio del vicequestore.

Rilasciato il 24 dicembre dello stesso anno, il 1986, Filippo lascia da parte la sua professione e inizia a coltivare la sua passione per la cucina. Era lui, infatti, a cucinare i pasti per i suoi compagni di cella, ed è proprio in carcere che Filippo ha scoperto di nutrire questo suo forte interesse che tutt’ora lo accompagna.

Il ristorante di Filippo La Mantia

Dopo tante esperienze di vita, lo chef riesce a coronare il sogno di aprire un ristorante a in piazza Risorgimento a Milano, Oste e cuoco, come si ribattezza lui. I prezzi del menù vanno dai 18 euro per gli antipasti ai 30/32 euro per i secondi di carne o di pesce.

Nel 2020 fa però sapere tramite Il Giorno di aver intenzione di trasferirsi in “uno spazio ridotto e più sostenibile economicamente“. A causa della crisi post coronavirus le entrate del ristorante si sono ridotte del 40% ed è diventato troppo difficile sostenere un affitto da 28 mila euro.

Filippo La Mantia: la vita privata

La famiglia di Filippo è la classica famiglia allargata. È stato sposato diversi anni con Stefania Scaranti, autrice televisiva, da cui ha avuto una figlia, Carolina, nata nel 2007 a Roma. Nel 2016 il siciliano ha iniziato la sua storia d’amore con la famosissima foodblogger Chiara Maci.

Anche Chiara ha avuto una figlia da un’altra relazione: Bianca (2015), che tutt’ora vive con lei e Filippo. Il desiderio di Chiara di avere un altro bambino con Filippo, però, è stato più forte che mai e il 16 febbraio del 2018, a Milano, è nato Andrea La Mantia.

Filippo La Mantia e Chiara Maci

La loro storia d’amore? Piena di passione: “Litighiamo sempre. Ci siamo lasciati almeno 50 volte“, hanno rivelato a Vanity Fair.

Chiara viaggia molto in quanto foodblogger mentre Filippo è molto radicato a Milano per via dell’impegno con il ristorante, ma il loro amore riesce sempre a ritrovarsi nonostante le differenze. Insieme hanno persino scritto un libro, Ma tu come la fai la caponata?.

La coppia non è sposata. Sul profilo Instagram dello chef si possono trovare molti scatti quotidiani, di famiglia, e tanti piatti meravigliosi!

3 curiosità sullo chef La Mantia

– Il suo marchio di fabbrica? Non usa aglio e cipolla!

– È stato in un campo di Emergency in Sudan come aiuto umanitario.

– Il piatto preferito di Filippo e Chiara? La pasta in bianco, ma che sia preparata con pasta buona, olio buono e una bella spolverata di formaggio!

Scopri cosa devi fare se sei venuto a contatto con persone positive al Covid 19


Quello che non sapete su Alessandro Borghese: cuoco, conduttore e papà

Damiano Carrara, il pasticcere di Bake Off che fa impazzire mamme e figlie