Diventato sous chef del Noma di Copenaghen, Riccardo Canella nel 2020 decide di salutare la capitale danese e prendersi una pausa.

Come è stato possibile che da semplice stagista Riccardo Canella diventasse sous chef del ristorante migliore al mondo, il Noma di Copenaghen, anche lui se lo chiede. Di fatto però Rene Redzepi l’ha voluto al suo fianco, sentendosi libero e sicuro di affidargli la sua brigata e, visti i successi, non si è sbagliato. Conosciamo meglio il giovane chef di origini venete.

Chi è Riccardo Canella

Classe 1985, Riccardo è originario di Mestrino, in provincia di Padova. Dopo aver frequentato l’Istituto Alberghiero di Abano Terme, lavora per qualche tempo in come pasticcere per poi trovarsi al fianco di Fabrizio Molteni all’Albereta.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Riccardo Canella
Fonte foto: https://www.instagram.com/riccardo.canella/

Degni di nota anche i sei mesi passati al fianco di Massimiliano Alajmo, prima come stagista poi come chef.

Da qui si trasferisce in Norvegia prima, lavorando all’interno di un bistrot affacciato su un fiordo norvegese, in Danimarca poi entrando nel 2014 nelle cucine del Noma come stagista.

Qui ha dovuto combattere con tutti i pregiudizi che gli stranieri hanno nei confronti degli italiani, della loro indolenza e della poca voglia che hanno di imparare l’inglese. Possiamo dire che la sua battaglia personale è vinta quando l’anno seguente Rene Redzepi lo vuole al suo fianco come sous chef.

Riccardo rimane al Noma, trasferendosi poi nel Noma 2.0, fino al 2020 anno in cui la pandemia lo costringe a uno stop. Questo periodo gli è servito per guardarsi dentro e capire di aver dedicato gli ultimi anni della sua vita esclusivamente al lavoro. Senza rimpianti, decide di prendersi una pausa, tornare in Italia e stare con la sua famiglia, cercando di trovare un nuovo equilibrio.

3 curiosità su Riccardo Canella

– Della vita privata di Riccardo non c’è traccia sul suo profilo Instagram. Non è noto quindi se abbia o meno una compagna di vita.

– Ha un fratello gemello con il quale, fino al 2015, suonava la batteria. Ha deciso di lasciare la musica dopo essere incappato in una frase di Gualtiero Marchesi in cui diceva di aver iniziato seriamente a cucinare solo dopo aver smesso di suonare il piano.

– Nel 2021 è ospite delle cucine di Masterchef Italia 10 durante un invention test dedicato alla cucina d’avanguardia.

Fonte foto: https://www.instagram.com/riccardo.canella/


Jia Bi Ge, da Shangai alle cucine di Masterchef passando per Bari

Tutto su Enrico Bartolini e le sue 8 stelle Michelin