Con Sara Farnetti potrete finalmente seguire una dieta lontana da bilance e privazioni. Scopriamo chi è la donna e cos’è l’alimentazione funzionale.

Tutti noi vorremmo una dietista che come prima cosa ci invita a buttare la bilancia. Sarebbe bello vero? Niente momenti di terrore appena prima di salire e di sconforto poi, supportati da tutto lo stress che seguire una dieta comporta. Questo è possibile e fa parte del concetto di alimentazione funzionale di cui Sara Farnetti si fa portavoce. Vediamo di conoscere meglio Sara tra vita pubblica e privata.

Stop dieta
Stop dieta

Chi è Sara Farnetti

Sara è nata a Bracciano, in provincia di Roma, il 9 gennaio 1978 (sotto il segno del Capricorno). Frequenta il Liceo Scientifico e poi la Facoltà di medicina completando entrambi i percorsi con il massimo dei voti. Consegue poi una laurea specialistica in medicina interna e frequenta diversi corsi di approfondimento.

Come pesare la pasta
e il riso senza bilancia?

Fin da subito le era chiaro di voler approfondire il legame tra alimentazione e salute e portare quindi i suoi pazienti a capire come i vari cibi influenzano l’organismo. Il suo concetto di Alimentazione Funzionale si basa proprio su questo: evitare di demonizzare intere categorie di alimenti e portare le persone a una maggior consapevolezza del potere del cibo.

Sicuramente poi in molti avranno sentito parlare della dottoressa in televisione. Tra il 2012 e il 2013 è a La Prova del Cuoco (dove poi viene sostituta da Evelina Flachi), poi a Uno Mattina Verde, Buongiorno Benessere e Linea Verde. È stata anche consulente di Miss Italia nel progetto La Salute ti fa Bella.

3 curiosità su Sara Farnetti

– Della vita privata di Sara non è noto nessun dettaglio. Non è dato a sapere quindi se sia sposata o abbia dei figli.

– Ha scritto diversi libri: Ricette Funzionali, Mai più a Dieta e Tutto quello che sai sul cibo è falso.

– Il suo lavoro si divide tra lo studio di Milano e quello di Roma.

Riproduzione riservata © 2024 - PC

ultimo aggiornamento: 01-07-2022


Morgan Witkin, la rivalsa della cucina vegetale

Caterina Ceraudo, l’ambasciatrice del gusto calabrese