Bastano 24 ore di semi-digiuno per purificare il corpo dopo le feste: ecco i cibi detox da consumare in questo periodo

Le feste sono ufficialmente finite ed è ora di rimettersi in forma dopo le inevitabili abbuffate di Natale e Capodanno con amici e parenti. Il consiglio, dato anche da Umberto Veronesi, direttore scientifico dell’Istituto Europeo di Oncologia di Milano, è quello di iniziare con una sorta di 24  ore di semi-digiuno per disintossicarsi dalle mangiate troppo abbondanti delle feste. 24 ore, non di più, in cui è bene bere molto e assumere solo cibi detox specifici che aiutano a depurare l’organismo. Ottime sono anche le acque aromatizzate che andavano già tanto di moda in estate: un modo gustoso e leggero per purificarsi.

Quali sono i cibi detox?

Dimenticate carne e dolci, i cibi detox si trovano nel reparto frutta e verdura del vostro frigo, a partire dall’esotico e gettonatissimo avocado, sempre più presente nei nostri supermercati: è antiossidante, ricco di vitamine e fibre ed è buonissimo sul pane tostato se volete un po’ più di gusto e croccantezza.

Immancabili i limoni, re dei cibi detox, perfetti anche per preparare infusi caldi disintossicanti e drenanti; anche l’anans è un  perfetto diuretico e bruciagrassi, ottimo anche come abitudine dopo i pasti per favorire la digestione.

Tra i frutti detox troviamo anche i mirtilli, che sono ricchi di vitamine A e C e aiutano la circolazione del sangue: perfetti per aromatizzare l’acqua o da soli come snack fresco.

Tra le verdure detox, ne troviamo due in particolare: le cipolle che oltre a drenare, aiutano le difese immunitarie a difendersi dai virus di stagione; i carciofi che sono ideali per eliminare le tossine dall’intestino.

Questi cibi ovviamente, sono perfetti da consumare abitualmente anche dopo le 24 ore di semi-digiuno consigliate dopo le feste e anzi, è vietato abbuffarsi subito dopo la giornata detox, ma è opportuno continuare con un buon regime alimentare.

Il ricettario d’autunno per piatti gustosi e profumati


Polpette del futuro: ecco come saranno secondo Ikea

Cantine itineranti? Sì grazie! Il boom del wine truck