Cibo tossico: verdure straniere nella black list di Coldiretti

Come fare un infuso vegan disintossicante

Preferire un prodotto italiano a quelli di importazione, specie se si tratta di verdure è una buona regola: il cibo tossico si nasconde dove meno pensiamo.

Ci dicono sempre che dobbiamo mangiare almeno tre o cinque porzioni di frutta e di verdura al giorno, ma è bene chiarire che – alcune volte – potrebbe trattarsi di cibo tossico, o comunque molto contaminato da pesticidi e altre sostanze chimiche presenti in alcuni prodotti. Voi mangereste un broccolo sapendo che, anziché depurare il vostro organismo, come dovrebbe fare, lo intossica?

Una indagine portata avanti da Coldiretti ha portato a stilare una sorta di black list degli alimenti freschi che potrebbero essere più pericolosi per la salute, e si tratta di verdura, frutta ed erbe aromatiche di importazione, in particolare provienienti da Paesi come la Cina, l’India, l’Egitto e molti altri.

In cima a questa lista nera ci sono proprio i broccoli importati dalla Cina. Il risparmio eccessivo dovrebbe sempre metterci in allarme, perchè quasi sempre si tratta di un prodotto estero, con altre norme, altri terreni e con livelli più alti – a quanto pare – di pesticidi. Se il broccolo cinese è pieno di sostanze chimiche tossiche, sembra che anche le fragole dell’Egitto non siano da meno, per non parlare del basilico proveniente dall’India e del prezzemolo arrivato dritto dritto dal Vietnam.

Le analisi presentate da Coldiretti e condotte dall’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (Efsa), mostrano come una elevatissima percentuale di Carbendazim, Acetamiprid, Chlorfenapyr, Pyridaben e Flusilazole sia presente in alcuni tipi di frutta e verdura d’importazione, scatenando le proteste e l’indignazione dei coltivatori italiani.

La Cina, dopo lo scandalo del pomodoro importato usato per conserve e concentrati dalla stragrande maggioranza delle ditte italiane, si conferma purtroppo il top della lista nera. Occhio anche ad arance del Marocco, meloni della Repubblica Dominicana ed erbe aromatiche d’importazione.

Laddove possibile, scegliete sempre prodotti italiani.

Al mare senza pancia gonfia? Limita questi cibi

Fonte foto: Pixabay

Non perderti le altre golose ricette di Primo Chef, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 03-05-2016

Caterina Saracino