Taste of Milano 2016, dal 19 al 22 maggio in piazza Lino Bo Bardi presenterà tanti chef molto promettenti: tutti da scoprire!

Il Taste of Milano 2016, per chi non lo sapesse, è un evento nato sia per dare più visibilità ai ristoranti stellati, che per permettere a più persone possibile di poter assaggiare le creazioni di top chef in piccole quantità, e a prezzi ridotti. Quindi dovremo aspettarci tanti assaggi, una grande qualità dei piatti e grandi chef all’opera, tra cui Buffolino, Asoli, Berton, Provenzani, e molti altri. Se amate mangiare ma l’alta cucina rimane un mondo a voi sconosciuto, e vi state domandando chi siano questi chef, scopriamolo insieme e vediamo cosa aspettarci da questa edizione del Taste of Milano 2016.

Chef per soddisfare i gusti di tutti i palati

Alessandro Buffolino, ha raccolto la sua esperienza romana, londinese e francese, e ha portato la leggerezza, l’autenticità dei sapori e la modernità di una cucina fatta di piatti leggeri e all’avanguardia. Da provare: il suo branzino alla rapa rossa con maionese di alghe marine patate marinate e Crodino.

Angelo Troiani, invece, si proietta verso una cucina biologica, sana e innovativa, materie prime veraci e ricercate, come il polpo con contorno di asparagi, mele e finta maionese di lamponi.

Christian e Manuel Costardi Bros, famosi per la loro dedizione verso i risotti. Il loro piatto icona, il Costardi’s Tomato Rice.

Edoardo Fumagalli, un mix di sperimentazione, studio e amore per la cucina. Piatto icona: filetto di merlano al latte, viennese al tartufo e crema di pisellini.

Elio Sironi, ha creato con fare certosino una concept culinario in cui i sapori internazionali si amalgamano alla fantasia e alla tradizione nostrana. Da provare: scampi e fagioli, pane acciughe, e rigatino alla brace.

Andrea Asoli del Venissa Al Rubacuori, con una cucina che va alle radici della materia prima, e conserva sempre un tocco di originalità. Da provare: la milanese di ossobuco con crema di piselli, prezzemolo e ricordi di limone.

Andrea Berton, con una cucina dove i suoi ingredienti si mettono a nudo, in forme appetibili e gusti ancora ignoti al palato umano: il brodo è il suo tocco di classe.

Andrea Provenzani, chef autodidatta, con un grande rispetto per gli ingredienti e passione per i sapori audaci. Da provare: mondeghili di vitello e mortadella Cotto-Crudo.

Felice Lo Basso, famoso per il suo piatto icona, la parmigiana di gamberi rossi, stracciatella di burrata e basilico. Unisce mare e montagna, tralascia le mode e si concentra sulla papille gustative.

“Hardware giapponese, Software brasiliano”, per Roberto Okabe, che intreccia la leggerezza e l’armonia della cucina giapponese con ingredienti sudamericani. Da provare: il raviolo di gambero alla piastra con crema di asparagi e salsa ponzu.

Wicky Priyan, passato dallo studio della criminologia, a fare da bodyguard a Michael Jackson ma è sempre rimasto legato alla cucina, rappresentata da piatti come il branzino di marano marinato con alga e crema di kabuzu.

Fonte foto: Facebook

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 04-05-2016


Cibo tossico: verdure straniere nella black list di Coldiretti

Il trend del gelato? Vegan e a chilometro zero!