I colori a tavola e l’appetito sono connessi tra loro, perché i primi possono influenzare il secondo. Ognuno ha il suo significato e incide sul nostro gusto.

Ormai si sa, l’occhio vuole la sua parte. Ciò accade anche per il cibo. Non tutti sanno (o riconoscono) che c’è una correlazione tra i colori a tavola e l’appetito. Ogni tonalità, infatti, influenza lo stato d’animo dell’osservatore. Questo avviene, ovviamente, anche nel momento in cui si è seduti a un tavolo per consumare un pasto. Che sia nella preparazione di un piatto a casa propria o nell’ordinazione a un ristorante, il colore di una pietanza ci indirizza sulla scelta. La spiegazione di questo fenomeno è da ricercarsi nel significato di ogni colore.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Colori a tavola e appetito
Colori a tavola e appetito

Colori a tavola e appetito: cosa accade

Tante sono le indagini statistiche condotte negli anni su questo tema. La più recente, ovvero quella di Deliveroo con Doxa, ha portato a conclusioni molto dettagliate. La metà dei partecipanti ha ammesso che è fondamentale l’influenza del colore di un determinato piatto sulla scelta che si fa in merito a cosa mangiare a tavola. In particolare, questo fenomeno riguarda le donne e i giovani (15-34 anni).

I colori che stimolano l’appetito in maniera maggiore sono quelli che suscitano sensazioni positive. La tonalità cromatica di una pietanza, che viene preferita, riesce a suscitare tranquillità, serenità e allegria. La percezione di ogni singolo colore può cambiare in base alle preferenze di ciascuno di noi ma, in generale, il discorso è valido per tutti. Ciascuna tonalità ha un proprio significato, o suscita emozioni precise, e questo vale anche per la tavola.

Il significato dei colori nei piatti

Cominciamo dal rosso. Questo è il colore dell’energia, che può aumentare la frequenza cardiaca e, allo stesso tempo, essere simbolo di stop. Per questo motivo, molto spesso i piatti rossi non riscuotono il giusto successo. A ogni modo, questo è il colore del cibo spazzatura.

Il verde, invece, viene associato all’healthy food, rappresentando l’equilibrio e il benessere. Il blu è associato – solitamente – alla sicurezza, ma a tavola può assume (non sempre) significato negativo, diventando associazione di qualcosa che può essere velenoso. Lo stesso vale per il viola. Al contrario, l’arancione e il giallo sono ben accetti, perché esprimono armonia e buon umore, incentivando la lentezza nella consumazione del cibo.

Per capire meglio quale influenza c’è tra i colori a tavola e l’appetito, analizziamo ciascun colore:

  • Corallo: accentua i sapori dolci ed è ottimo per i dessert.
  • Rosso: esalta i sapori corposi, quindi è adatto a vino e carne.
  • Giallo: è simbolo di freschezza e asprezza.
  • Verde: è emblema di equilibrio.
  • Blu: esalta il sapore dei piatti a base di mare.
  • Beige e marrone: rimandano a prodotti che derivano dalla terra.

Tante sono le tecniche per esaltare i colori dei piatti, come quella per sbianchire frutta e verdura.

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 09-10-2021


Sapete qual è la differenza tra anguilla e capitone?

Dilemma di-vino: cos’è un vino millesimato?