Per realizzare il tuorlo marinato si adotta uno speciale metodo che trasforma il tuorlo di un uovo in qualcosa di sorprendente e spettacolare.

Il tuorlo marinato è un’invenzione di Carlo Cracco, e come molte delle sue creazioni è nello stesso tempo semplice e complesso da realizzare. La dote principale che serve per averlo perfetto è la pazienza e la delicatezza. Per marinarlo si usa sale e zucchero. Sono elementi igroscopici, ossia assorbono l’umidità. Il tuorlo è ricco d’acqua, e quando sale e zucchero l’assorbono, le proteine che contiene si modificano cambiando la struttura stessa del tuorlo che si solidifica, a cominciare dalla zona più esterna. Più rimane nella marinata, più l’interno si solidifica.

DIFFICOLTÀ: 3

COTTURA: 0′

TEMPO DI PREPARAZIONE: 4-10 ore

INGREDIENTI PER IL TUORLO MARINATO

  • 50% di sale
  • 50% di zucchero
  • Tuorli d’uovo

PREPARAZIONE DEL TUORLO MARINATO

La quantità di sale e di zucchero dipende da quante uova marinate e dall’ampiezza del contenitore che usate. L’importante è che sale e zucchero abbiamo lo stesso peso. Versateli, quindi in una ciotola e mischiateli bene.

Prendete un contenitore che deve essere proporzionato al numero di tuorli che dovete preparare, e senza eccedere in dimensioni per non dover usare troppo sale e zucchero. Cominciate creando sul fondo del contenitore uno strato della miscela. Separate il tuorlo dall’albume, cercando di isolarlo il più possibile. Ovviamente, non deve assolutamente rompersi.

Adagiate i tuorli sulla marinata di sale e zucchero tenendoli sufficientemente distanziati tra di loro. Con molta delicatezza ricoprite completamente i tuorli. Lasciate marinare per 4-10 ore, secondo quanto lo volete sodo.

Con quattro ore il tuorlo rimane morbido all’interno, con 10 quasi lo potete tagliare a fettine. Una volta trascorso il tempo, recuperate molto delicatamente i tuorli e, sempre con attenzione, passateli sotto un leggerissimo filo d’acqua corrente in modo da eliminare completamente la marinata.

Potete usare i tuorli in un’insalata con dei peperoni, acciughe e pecorino, oppure su un primo piatto. Appoggiateli semplicemente sulla preparazione. Carlo Cracco li frigge, ma per farlo serve molta attenzione e una marinatura non in sale e zucchero, ma nel pangrattato.

Un grande classico tra gli antipasti sono le uva ripiene, ecco la ricetta delle uova sode farcite.

0/5 (0 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 12-02-2017


Barrette ai cereali

Timballo abruzzese con caciocavallo e carne d’agnello