Ingredienti:
• 700 g di farina 00 o Manitoba
• 400 ml di acqua + 3 litri per la cottura
• 10 g di sale fino
• 4 g di lievito di birra secco
• 30 g di burro
• sale grosso q.b.
• 3 cucchiaini di bicarbonato
difficoltà: facile
persone: 6
preparazione: 15 min
cottura: 25 min

Preparare i pretzel fatti in casa non è facilissimo (ma neanche impossibile), e poi volete mettere la soddisfazione di farli con le vostre mani?

I pretzel non hanno certo bisogno di presentazioni: di origine alsaziana, tipici della zona della Germani, Austria e Sud Tirolo, sono oramai divenuti celebri in tutto il Mondo (forse soprattutto grazie alle varie beer fest, di cui sono alimenti principe) i pretzel o bretzel che dir si voglia sono delle autentiche bontà!

Si possono gustare da soli, così come sono, oppure sono ideali per accompagnare uova cotte in qualsiasi modo, carne, verdure e, se vogliamo abbinarli all’italiana, anche e soprattutto salumi e fomaggi in un bel tagliere.

Un morso al pretzel e un sorso alla vostra birra è il non plus ultra, ma questo pane è gustoso sempre, comunque e… dovunque! È attivato il momenti di scoprire la ricetta originale dei pretzel, e tutti i passaggi per realizzarla.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Pretzel
Pretzel

Preparazione del pretzel

  1. Per preparare i vostri pretzel fate sciogliere il lievito in un po’ di acqua tiepida e fate ammorbidire il burro fuori dal frigo.
  2. In una ciotola, mescolate la farina con il lievito e il burro a temperatura ambiente (se volete potete anche utilizzare una planetaria munita di gancio).
  3. Mentre mescolate unite a filo l’acqua tiepida. Quando l’impasto sarà bello compatto terminate con l’aggiunta del sale fino.
  4. Impastate per circa 10 minuti, poi fate riposare in una ciotola coperta da una pellicola. L’impasto dovrebbe essere lasciato lievitare per circa 3 ore, in un luogo tiepido-caldo.
  5. Una volta che l’impasto è ben lievitato, date la classica forma a nodo lento tipica del pretzel, dandogli la foggia di un tarallo e poi attorcigliandolo e riportando le punte sulla parte del bordo.
  6. Fate lievitare per un’altra ora, poi fate bollire in acqua e bicarbonato (da aggiungere al momento dell’ebollizione) per mezzo minuto.
  7. Scolate, assorbendo l’acqua in eccesso, cospargete di sale grosso e poi trasferite in forno a 220° C per circa 15-20 minuti.

Servite i pretzel caldi, tiepidi o freddi… tanto sono sempre buoni! E se volete noi abbiamo anche preparato dei golosissimi bocconcini di pretzel!

Come sono nati i pretzel: la storia

Ci sono parecchie leggende che girano intorno alla nascita del pane brezel. La prima tra tutte arriva dalla Francia, dove pare che questo prodotto venisse preparato dai sacerdoti e dato in dono ai chierichetti in situazioni particolari e in particolar modo quando, questi ultimi, si fossero distinti nella preghiera o in compiti liturgici. Brezel, infatti, sembra proprio voler dire premio, e si dice che la sua forma sia simile a quella dei bambini con le mani giunte in preghiera.

Un’altra leggenda molto accreditata, poi, svela che i natali di questo pane tedesco o austriaco chiamato brezel siano da ricongiungere a un fornaio. Quest’ultimo era stato messo in prigione dal signore del paese dove egli abitava e, per liberarsi e non incorrere a morte certa, era stato chiesto al professionista panificatore di realizzare una pagnotta che racchiudesse per ben tre volte la forma del Sole.

Conservazione

Consigliamo di consumare i bretzel entro 2 giorni dalla realizzazione, tempo per il quale mantengono la loro morbidezza a ogni morso, all’interno di una busta di carta per pane.

0/5 (0 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 28-01-2022


Per una merenda super non possono mancare i biscotti ai tre gusti!

Alla scoperta di incredibili ricette detox: il centrifugato di cavolo