Tecniche per pulire gli asparagi e idee per riutilizzare gli scarti

Come fare un infuso vegan disintossicante

Come pulire gli asparagi nel modo giusto e riutilizzare le parti più fibrose per la preparazione di zuppe e brodi vegetali.

Gli asparagi sono degli ortaggi ottimi per favorire la digestione e la diuresi. Per poter sfruttare al meglio le loro magiche proprietà drenanti e depurative bisogna mangiare e cucinare ogni parte. Riuscire a pulire gli asparagi senza buttare via le parti più nutrienti può sembrare difficile, ma in realtà con dei semplici trucchi della nonna riuscirete a tagliarli e prepararli nel modo giusto.

pulire gli asparagi
Fonte foto: https://it.pinterest.com/pin/15340454955798707/

Come pulire e cucinare gli asparagi

La parte più difficile nel pulire gli asparagi riguarda il gambo. Con un pelapatate, rimuovete la parte più dura e legnosa ed eliminate eventuali filamenti. Successivamente, afferrate le estremità di ogni asparago ed esercitate una leggera pressione per poter capire qual è il punto di rottura tra la parte più tenera e quella più fibrosa. Per rendere il gambo più facile da lavorare, il consiglio della nonna è di tagliarlo a fette sottili. Ricordate, inoltre, che questa parte più fibrosa si taglia meglio da cruda che da cotta.

Un ultimo consiglio è quello di cucinare gli asparagi al vapore e non immersi nell’acqua: essendo fibrosi tendono ad assorbire acqua e quindi si ottiene l’effetto spugna.

Per quanto riguarda le estremità più morbide, invece, non si butta via niente. Gli scarti degli asparagi possono essere riutilizzati per preparare deliziose zuppe o brodi per insaporire risotti o spezzatini.

Come usare gli scarti degli asparagi per zuppe e brodi vegetali

Per preparare una zuppa con gli scarti degli asparagi tagliate a pezzettini la parte del gambo meno dura e frullatela insieme a cipolla e patate. In alternativa, potete anche preparare un mix di porri, carote e asparagi. Aggiungete circa una patata a persona e frullate insieme a olio extravergine di oliva e un pizzico di sale.

Gambi e parti più fibrose dell’asparago sono ottime per la preparazione di un brodo vegetale. Tagliate a pezzetti le parti degli asparagi e fateli bollire per circa dieci minuti insieme agli scarti di altre verdure come ad esempio gli scarti di carciofi, cipolle e sedano. Ricordate che la buccia è la parte più nutriente della verdura e molto spesso viene buttata. Non sprecatela e riutilizzate per preparare un ottimo brodo vegetale e naturale che potrà servirvi come base per un risotto di carciofi o di asparagi.

Fonte foto: https://it.pinterest.com/pin/15340454955798707/

Non perderti le altre golose ricette di Primo Chef, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 20-02-2018

Elisa Mahagna

X