Conosciamo meglio i tartufi di mare: ecco come pulirli correttamente per utilizzarli nelle vostre ricette.

Mollusco bivalve appartenente alla famiglia dei Veneridi, il tartufo o venus verrucosa nasce e cresce nei fondali di sabbia e fango fino alla profondità di 20 metri. Una delle caratteristiche che salta prima agli occhi è la conchiglia esterna dei tartufi di mare dalla superficie rugosa e resistente. L’interno è bianco e lucido, mentre la conchiglia può variare nelle tonalità del giallo e beige.

Come pulire i tartufi di mare

Seppur molto utilizzati in cucina l’apertura dei tartufi di mare è un’operazione tutt’altro che semplice visto che sono piuttosto piccoli rispetto ad altri frutti di mare come ostriche o cozze. Vediamo subito come procedere correttamente.

10 ricette per tenersi in forma

Tartufi di mare
Tartufi di mare

Per prima cosa spazzolate e lavate i tartufi con acqua fredda e batteteli sul piano del lavello. Fate attenzione al rumore: se è sordo molto probabilmente i tartufi sono pieni di sabbia e vanno messi da parte.

A questo, prendete i tartufi buoni e con l’aiuto di un coltellino a lama corta e appuntita, afferrate i tartufi con un canovaccio e cercate il punto di congiunzione tra le due valve. Fate scorrere la lama sul bordo e separate le valve senza versare il liquido presente all’interno. Staccate il mollusco dalla valva superiore ed eliminate la parte del guscio vuota. Proseguite in questo modo fino a terminare tutti i tartufi a vostra disposizione.

Curiosità e come cucinare i tartufi di mare

Generalmente i tartufi, o noci di mare, vivono in colonia e si riproducono nel periodo compreso tra la fine della primavera e l’inizio dell’estate. In Italia la pesca di questi molluschi è concentrata nella zona del Golfo di Napoli e in Puglia e la tecnica più utilizzata per pescarli è la raccolta tramite “rastrelli da natante” o a mano.

In cucina sono utilizzati in moltissime preparazioni: dai primi piatti di pasta con i tartufi, ai secondi piatti in umido o gratinati. In ogni preparazione ciò che non deve mai mancare è una bella spolverata di pepe finale. Inoltre, se acquistati freschi e puliti correttamente i tartufi di mare possono essere consumati anche crudi.

Se amate i molluschi, non potete perdervi l’insalata di mare con cozze e sedano!

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 01-09-2017


Burro aromatizzato alla menta e rosmarino: ecco come si prepara

Come si fa il formaggio fatto in casa? Ecco la ricetta