Ingredienti:
• 1 bicchiere di vino
• 1 bicchiere di aceto
• 2 cucchiai di zucchero
• 1 coniglio intero o a pezzi
• 2 cipolle piccole
• 2 carote
• 200 g di sedano
• capperi q.b.
• olio extravergine di oliva q.b.
• farina q.b.
• sale q.b.
• pepe q.b.
• 2 rametti di rosmarino
• 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
• olive verdi q.b.
difficoltà: media
persone: 4
preparazione: 15 min
cottura: 60 min

Il coniglio in agrodolce alla siciliana è un secondo piatto dal sapore deciso, perfetto per le grandi occasioni. Provatelo in abbinamento alle patate arrosto!

Il coniglio in agrodolce in padella è un piatto tipico della tradizione siciliana. Tra gli ingredienti che non possono assolutamente mancare ci sono le olive, ma ciò che conferisce al piatto il suo caratteristico sapore è il sottile equilibrio tra aceto e zucchero.

Il coniglio in agrodolce con la ricetta originale prevede una marinatura di una notte nel vino e una lenta cottura delle carni e noi faremo proprio come vuole la tradizione. Ad arricchire ulteriormente il piatto, un sugo saporito preparato con sedano e cipolle. L’abbinamento perfetto per questo piatto sono le patate arrosto, cotte con una testa di aglio intera.

10 ricette per arrivare pronti alla prova costume

Coniglio in agrodolce
Coniglio in agrodolce

Come preparare la ricetta del coniglio in agrodolce

  1. Come prima cosa occorre dividere in pezzi il coniglio. Tagliate il coniglio seguendo la colonna vertebrale, quindi ricacatene dei pezzi. Potete farlo da soli, oppure chiedere al vostro macellaio di fiducia di svolgere questa operazione. Sciacquatelo poi sotto acqua corrente e lasciatelo asciugare in uno scolapasta, tamponandolo eventualmente con della carta da cucina.
  2. Tamponate poi la carne con della carta assorbente e infarinate bene tutti i pezzi.
  3. Mettete il coniglio in padella con un filo d’olio e lasciate che si rosoli da tutti i lati, poi mettetelo da parte.
  4. Nella stessa padella mettete a sbianchire le cipolle tagliate finemente, le pulite e tagliate, il sedano, una manciata di capperi dissalati e olive verdi a piacere.
  5. Dopo un paio di minuti aggiungete il coniglio rosolato, sfumate con il vino bianco e, quando l’alcol sarà evaporato completamente aggiungete anche la passata di pomodoro e correggete di sale e pepe.
  6. Prima di abbassare la fiamma aggiungete anche l’aceto zuccherato e fate sfumare completamente.
  7. Unite il rosmarino ben lavato e fate andare la carne a fiamma bassa per circa 50-60 minuti e aggiungete acqua al bisogno.
  8. Prima di servire in tavola correggete, se serve, di sale, e impiattate.

In alternativa, potete servire il coniglio con la polenta, proprio come è solita fare mia nonna!

Conservazione

Consigliamo di conservare questo secondo piatto sfizioso per massimo 2-3 giorni in frigo, all’interno di un contenitore con coperchio apposito. Sconsigliamo la congelazione in freezer.

0/5 (0 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 13-04-2022


Pasta al mandarino, un’idea originale per tutte le occasioni

Scopriamo come preparare un tipico biscotto scozzese, lo shortbread