Ingredienti:
• 500 g di farina
• 50 g di strutto
• 25 g di lievito fresco
• 250 g di acqua
• 150 g di prosciutto o ciccioli
• 1 cucchiaino di sale
difficoltà: facile
persone: 4
preparazione: 15 min
cottura: 40 min

La crescenta bolognese è una focaccia tipica dell’Emilia il cui impasto viene arricchito con strutto e pezzetti di prosciutto o ciccioli.

La crescente bolognese, anche nota come crescenta, è una focaccia il cui impasto è arricchito da salumi e, nelle versioni più moderne, ciccioli. In origine infatti altro non era che lo “scarto” della panificazione: i fornai erano soliti reimpastarlo aggiungendo strutto e scarti di prosciutto (noto come gambuccio) per poi cuocere il tutto al forno e consumarlo per colazione.

Oggi, la crescente al forno è molto più di una semplice focaccia bolognese con il prosciutto. I panificatori della città infatti si sono riuniti e ne hanno codificato la ricetta, portandola a un livello superiore. Niente più scarti quindi ma prodotti di prima qualità che hanno reso la crescente con i ciccioli un vero e proprio prodotto tipico. Volendo spostare nella panificazione domestica e adattare quindi le dosi, abbiamo pensato di sperimentare la crescenta bolognese sorelle Simili, una vera e propria istituzione quando si tratta di lievitati.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

crescenta
crescenta

Come preparare la crescenta con la ricetta emiliana

  1. Riunite in una ciotola la farina e il lievito sbriciolato con le mani. Versate a filo l’acqua poi incorporate lo strutto e iniziate a impastare con al punta delle dita.
  2. Quando l’impasto comincerà ad amalgamarsi, trasferitelo sulla spianatoia, aggiungete il sale e il prosciutto (o i ciccioli) tritato al coltello e finite di impastare.
  3. Trasferitelo nella ciotola, coprite con pellicola o con un canovaccio, e lasciate lievitare fino al raddoppio nel forno spento con la luce accesa. Ci vorranno all’incirca 3 ore.
  4. Adagiate l’impasto nella teglia del forno rivestita con l’apposita carta e allargatela con le dita fino a raggiungere uno spessore uniforme di un paio di centimetri.
  5. Lasciate lievitare di nuovo fino al raddoppio. Incidete la superficie con delle losanghe e mettete a cuocere a 200°C per 40 minuti prestando attenzione che non cuocia eccessivamente.
  6. Servitela calda, tiepida o temperatura ambiente.

Tra le altre ricette tipiche bolognesi vi consigliamo di provare anche lo gnocco fritto, una vera istituzione in tutta la regione.

Conservazione

Potete conservare la focaccia in un sacchetto di carta per un paio di giorni.

0/5 (0 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 25-02-2022


Insolito e leggero, proviamo il carpaccio di tofu

La pasta rucola e salsiccia in bianco è davvero troppo buona!