La differenza tra granita, sorbetto e cremolata non è solo negli ingredienti ma anche nella consistenza del prodotto finito. Scopriamola insieme.

Come sempre noi italiani tendiamo a fare gran confusione di termini, soprattutto quando si parla di ricette tipiche. Basta uscire dai confini della regione (ma spesso anche della provincia) per assistere a repentini mutamenti di nome e preparazione. Ecco perché oggi scopriamo quale è la differenza tra granita, sorbetto e cremolata. Già perché questi tre nomi indicano tre preparazioni apparentemente simili ma in realtà molto diverse.

9 ricette autunnalli per la tua tavola

Granita
Granita

Granita, sorbetto e cremolata: le differenze

La granita è una ricetta la cui origine viene fatta risalire agli arabi. Furono loro a portarla in Sicilia, dove ancora oggi è un vero e proprio must. Solitamente consumata a colazione o come spuntino insieme alla classica brioche, la granita si prepara mescolando acqua, zucchero e frutta (ma anche frutta secca o caffè) e poi ghiacciando il tutto, senza mai smettere di mescolarlo. Il risultato è un composto ghiacciato e di media granulometria.

Simile alla granita, la grattachecca romana si prepara grattugiando con un piccolo raschietto il ghiaccio (checca era termine con cui si identificavano i grossi blocchi di ghiaccio che un tempo venivano utilizzati per refrigerare gli alimenti). A questo si aggiunge lo sciroppo di frutta, ottenendo così una sorta di granita veloce.

Il sorbetto invece è una preparazione liquida e molto densa preparata con frutta, sciroppo di zucchero e talvolta liquore. Viene servito solitamente durante i pasti, per separare le portate di carne da quelle di pesce, oppure a fine pasto come nel caso del sorbetto al limone.

E il cremolato allora? Potremmo considerarlo una via di mezzo tra le due preparazioni appena viste. Sebbene all’aspetto sia simile alla granita, a differenza di questa e del sorbetto non contiene zucchero né acqua. La cremolata si prepara frullando la frutta e congelandola per poi grattugiarla finemente in un secondo tempo. Il risultato è un composto di granulometria molto fine e dal sapore fresco e dissetante.

Tra sorbetto e cremolato la differenza è non solo negli ingredienti ma anche e soprattutto nella consistenza. Di fatto però sono tutti ottimi e perfetti per dissetarsi durante le calde giornate estive!


Gelato avanzato: cosa fare con il fondo della vaschetta che non vuole nessuno

Tutto quello che dovete sapere per acquistare il sushi al supermercato