Étouffée di gamberi: un piatto tipico della cucina creola e cajun, ricco di sapori e di profumi e perfetto per viaggiare con il gusto e con la mente.

L’étouffée può essere preparato con diversi frutti di mare adagiati su un letto di riso. La sua versione più nota è, però, con i crostacei, e in particolar modo con i gamberi. Nasce nella Louisiana, ed è uno dei piatti più conosciuti della cucina cajun. Nonostante sia di origine piuttosto recente, lo si può trovare in tutti i ristoranti dell’area cajun e creola. Le spezie creole o cajun non sono facili da trovare, ma potete facilmente acquistarle online. In alternativa, sostituitele con della paprica, dolce o piccante a gusto.

DIFFICOLTÀ: 2

COTTURA: 60’

TEMPO DI PREPARAZIONE: 20’

Ingredienti per Étouffée di gamberi (4 persone)

  • 700 g di gamberi freschi
  • 350 g di riso
  • 3 spicchi d’aglio tritati
  • 60 g di burro
  • 150 g di sedano tritato
  • 1 cipolla grande, tritata
  • 400 g di pomodori tagliati a dadini
  • 150 g di peperone tritato
  • 1 foglia di alloro
  • 50 g di farina
  • 2 di spezie creole o cajun
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

10 ricette per tenersi in forma

Un esotico étouffée di gamberi

Preparazione

Cominciate cuocendo il riso. Mettete una pentola d’acqua sul fuoco e portatela a bollore. Quando bolle, salatela e buttate il riso. Ricordatevi di girarlo ogni tanto. Secondo il tipo di riso, può richiedere dai dieci ai quindici minuti di cottura. Quando cotto, scolatelo e mettetelo da parte.

Nel frattempo, sbucciate i gamberi, ma non buttate teste e carapaci. Mettete teste e carapaci in un pentolino con 300 millilitri d’acqua. Portate a bollore e fate andare per 6-7 minuti. Spegnete il fuoco, scolate, e mettete da parte il liquido che servirà più avanti nella preparazione.

Mettete sul fuoco una pentola capiente e versatevi burro e farina. Fate andare per circa tre minuti a fuoco basso creando un roux e girando in continuazione. Alla fine la farina deve leggermente colorirsi di marrone. Aggiungete cipolle, sedano, aglio e peperone tritati. Cuocete per 6-7 minuti girando molto spesso e a fuoco basso. Attenzione a non far bruciare verdure e farina.

Aggiungete il liquido ricavato dalla bollitura degli scarti dei gamberi, il pomodoro tritato, le spezie creole o cajun, la foglia di alloro e un pizzico di pepe. Portate a bollore e fate andare per trenta minuti a fuoco basso. Se il condimento dovesse infittirsi eccessivamente, aggiungete ogni tanto qualche cucchiaio di acqua calda. Regolate di sale.

Ora è il momento dei gamberi. Girate e cuocete per tre minuti. Aggiungete il riso che avete cotto precedentemente girate e continuate solo il tempo necessario a riscaldarlo. Ancora una volta, se la preparazione dovesse essere troppo asciutta, aggiungete qualche cucchiaio di acqua calda. Spegnete il fuoco e portate in tavola.

Se vi è piaciuta questa ricetta, provate anche la frittata di riso.

0/5 (0 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 25-06-2017


Rotolini di cetriolo con formaggio e prosciutto cotto

Spiedini di tacchino e peperoni