Ingredienti:
• 400 g di farina manitoba
• 250 g di latte
• 1 cucchiaio di miele
• 80 g di zucchero
• 90 g di burro
• 3 tuorli
• 12 g di lievito di birra
• 1/2 cucchiaino di sale
• 1/2 limone
• 1/2 arancia
• 1 cucchiaio di grappa
difficoltà: facile
persone: 4
preparazione: 30 min
cottura: 30 min

Tipica del Piemonte, la focaccia di Susa è un lievitato dolce semplice da preparare e risalente a oltre 150 anni fa.

Oggi andiamo alla scoperta di una ricetta antica, quella della focaccia di Susa, la valle piemontese che si dirama da Torino verso la Francia. Pensate che la prima traccia scritta risale al 1850 e da allora ha subito solo poche modifiche, riguardanti più che altro la varietà di grano utilizzato. Alle varietà autoctone infatti oggi si tende a preferire grani canadesi, più semplici da lavorare.

Per realizzare questo prodotto tipico servono poi latte, burro, zucchero e uova. La lievitazione, che in origine era naturale, oggi si ottiene con del comune lievito di birra che permette di ridurre notevolmente i tempi. Nota come couroun in dialetto piemontese, veniva preparata inizialmente in occasione delle feste, soprattutto Natale e Capodanno, mentre oggi è semplice da trovare in ogni periodo dell’anno nelle panetterie della valle.

10 ricette per arrivare pronti alla prova costume

focaccia di Susa
focaccia di Susa

Come preparare la ricetta della focaccia di Susa

  1. Per prima cosa sciogliete il lievito nel latte tiepido poi incorporate il miele e tanta farina quanta ne occorre a ottenere una pastella. Lasciate riposare il lievitino per un’ora.
  2. Unite poi la farina rimasta, i tuorli, lo zucchero e la grappa e profumate con le scorze grattugiate dei due agrumi.
  3. Dopo aver impastato qualche minuto incorporate il sale e infine il burro morbido, un tocchetto alla volta, aspettando che il precedente si sia assorbito. Potete svolgere questa operazione a mano tuttavia una planetaria munita di gancio impastatore vi potrebbe semplificare di molto le operazioni.
  4. Finitelo poi di lavorare sulla spianatoia dandogli la forma di una palla. Imburrate una ciotola, adagiate l’impasto e copritelo con pellicola, lasciandolo lievitare un’ora a temperatura ambiente e 12 ore in frigorifero.
  5. Riportatelo poi a temperatura ambiente per almeno un’ora e stendetelo in una teglia rotonda imburrata in modo da ottenere uno spessore di 2 cm. Lasciatelo lievitare nel forno spento con la luce accesa per un paio di ore.
  6. Bucherellate la superficie della focaccia con le dita, spruzzatela con un poco di acqua e infine distribuite dello zucchero.
  7. Cuocete a 200°C per 5 minuti poi proseguite la cottura a 180°C per 20 minuti. Servitela tiepida o una volta che si sarà raffreddata.

La focaccia di Giaveno, un comune della Val di Susa, si differenzia da questa per la presenza nell’impasto di una fava. La tradizione vuole che chi la trova sarà una persona fortunata.

Vi consigliamo di provare anche la ricetta della nostra focaccia dolce: è perfetta per la colazione o la merenda.

Conservazione

La focaccia di Susa si conserva in un sacchetto di carta per un paio di giorni, soffice come appena fatta.

0/5 (0 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 16-07-2022


Come fare il sorbetto al limone, una ricetta fresca e cremosa

Come combattere il caldo? Con un rinfrescante frullato di anguria e cetriolo