Nutrimi, con il progetto Food-MythBusters, grazie ad un team di professionisti esperti, analizza e smentisce i falsi miti in ambito nutrizionale.

Attraverso il progetto Food-MythBusters, elaborato da NutriMI: la più grande community italiana che si occupa della divulgazione del sapere scientifico negli ambiti dell’alimentazione e della nutrizione, è ora possibile combattere le notizie false sul cibo e sulle sue proprietà.

Il progetto Food-MythBusters contro le fake food news

Per far fronte al continuo dilagare di false notizie sul cibo, è nato Food-MythBusters, guidato da un team di esperti in Nutrizione e Comunicazione scientifica. Tornare alla verità scientifica su tutto ciò che mangiamo è la base per vivere una vita sana, seguendo una dieta equilibrata.

Basta quindi con l’ascoltare le notizie che estremizzano i concetti sull’alimentazione. Bisogna imparare a capire quali sono le bufale e quali invece no. Per fare ciò è possibile seguire la community di NutriMi, affrontando scientificamente i dati, che vengono analizzati quotidianamente dal team di esperti; per uscire dal concetto di disinformazione.

Il manifesto di Food-MythBusters

Il manifesto del progetto tocca alcuni fondamentali punti, per evitare inutili allarmismi privi di basi scientifiche; ma che bersagliano continuamente i consumatori.

Innanzitutto non esistono cibi buoni o cattivi.

Uno studio scientifico non basta a fare una “verità scientifica”.

Gli alimenti miracolosi non esistono.

Le diete miracolose non esistono.

Gli chef non sono nutrizionisti.

La nutrizione non è uno show.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

FoodMythBusters
Fonte foto: https://www.facebook.com/nutrimi/photos/

Chiunque, e non soltanto gli addetti ai lavori, all’interno della community di NutriMi può fare liberamente una segnalazione su notizie false, legate al mondo del cibo e delle sue proprietà. Ogni suggerimento verrà valutato mensilmente dal team di esperti.

Le scelte alimentari di ciascuno di noi devono essere consapevoli, e non caratterizzate da nuove mode prive di basi scientifiche; che possono causare problemi alla nostra salute. Per fare ciò possiamo affidarci a questo nuovo progetto, continuando ad informarci in modo cosciente.

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 16-04-2018


Chi è Valentina Tozza, la mamma foodblogger di La Cucina che Vale

La partnership tra Marco Bianchi e Gnambox per Ikea, nell’ambito del progetto Siamo Fatti Per Cambiare