Volete un nuovo originale gusto da assaggiare? E’ in arrivo il gelato ai semi di canapa, si chiamerà Bob Marley

Stufi del soliti gusti di gelato? Se volete provare qualcosa di nuovo ed esclusivo, una gelateria di Alassio, in Liguria, ha quello che fa per voi, perchè si è inventata il gelato ai semi di canapa, che in onore del noto musicista, associato per ovvi motivi alla canapa, si chiamerà Bob Marley. La notizia è stata riportata dal sito dell‘Ansa che ha pubblicato le parole dei produttori che assicurano E’ buono e fa beneE’ un gelato con semi di canapa decorticati, buonissimo e con tutte le proprietà benefiche proprie della canapa dovute soprattutto all’alta presenza degli acidi polinsaturi che li rendono preziosi per combattere e prevenire diversi disturbi tra i quali l’arteriosclerosi, disturbi cardiovascolari, colesterolo, artrosi, malattie del sistema respiratorio, eczemi e acne. Si tratta di un gelato artigianale creato in collaborazione con l’associazione Canapa Ligure che promuove il prodotto presente in natura, in quanto benefico per la salute e con noti effetti antidolorifici. Il gelato ai semi di Canapa dovrebbe essere già in commercio per Capodanno.

Gli effetti benefici della canapa

I gelatai di Alassio non sono di certo i primi e nemmeno gli unici a credere e a promuovere le proprietà benefiche della cannabis; uno dei primi fu lo psichiatra, Lester Grinspoon, professore emerito ad Harvard che studiò a lungo gli effetti della cannabis e ne sostenne la validità terapeutica per combattere il dolore.

Il professore si battè a lungo per utilizzarla consapevolmente in medicina e per evitare di criminalizzarla, dato che si tratterebbe di un prodotto naturale e utile.

In alcuni casi, al giorno d’oggi, grazie a molti studi, la cannabis è stata utilizzata per le terapie del dolore neuropatico e spastico, se non addirittura per quello tumorale. Chissà se il suddetto gelato ha benefici di questo tipo, o avrà solo un nuovo, particolare gusto.


Gatti Massobrio: presentato a Torino il taccuino anti Michelin

Polpette del futuro: ecco come saranno secondo Ikea