Gli alimenti ispirano gli chef, ma anche gli orafi e i designer di gioielli: la mostra Gioielli di Gusto ne è la prova.

Dal 18 settembre al 8 dicembre 2015, sarà aperta al pubblico la straordinaria mostra Gioielli di Gusto, a Palazzo Morando – Costume Moda Immagine (via Sant’Andrea 6, Milano).

Un’esposizione assolutamente da non farsi sfuggire, per chi si trova da quelle parti: sarà mostrata ai visitatori una vasta collezione di gioielli di varia fattura e di vari materiali, tutti ispirati al tema del cibo. Più di 150 ornamenti e pezzi unici dei designer di gioielli più talentuosi e creativi del momento.

Tra i pezzi più affascinanti della prestigiosa collezione, ci sono delle clip che riproducono un grappolo di nocciole realizzate in legno, e con foglie di metallo dorato; oppure, una splendida collana non composta di materiali preziosi bensì fabbricata essa stessa con bucce di cipolla rossa essiccate e plastificate, poi cucite a mano; per non parlare di orecchini a forma di pannocchia di mais (firmati Moschino) e di uno spiritoso anello con applicata un’aragosta con occhiali di argento dorato.

pasticcini gioiello

Gioielli di Gusto è una imperdibile occasione per ammirare la creatività di questi designer, e scoprire come anche un semplice cestino di more possa diventare un gioiello di grande pregio. Vedere per credere.

La mostra, aperta dal martedì alla domenica, dalle ore 10.00 alle 19.30, è stata ideata dalla giornalista pubblicista Mara Cappelletti, curatrice e autrici di varie opere a fascicoli sul tema dei gioielli, nonché studiosa, come riporta il sito ufficiale, di Storia del Gioiello e di Storia dell’Arte dei Paesi Islamici, dell’India, della Cina, della Corea e del Giappone nel prestigioso Sotheby’s Institute of Art di Londra.

La curatrice di Gioielli di Gusto è invece Maria Canella, docente presso il Politecnico di Milano.

L’inaugurazione è domani, 17 settembre, alle ore 18.

Fonte foto: Mostra Gioielli di Gusto

Il ricettario d’autunno per piatti gustosi e profumati


Variegata, ricca e saporita: la cucina peruviana è assolutamente da provare

La Montina: il Franciacorta Rossonero