Gnocchi di eddos: il primo piatto di cucina naturale che non vi farà rimpiangere le ricette di mamma e nonna, garantito!

Gli gnocchi sono una tradizione nostrana, ogni nonna (e ogni mamma) italiana li prepara a modo suo: a base di patate, con o senza uova e con l’aggiunta di ingredienti preziosi direttamente dall’orto. Ma perchè non sperimentare un po’? La ricetta degli gnocchi di eddos (noto anche col nome di taro) è perfetta per chi non mangia le patate o non si tira mai indietro di fronte a nuove esperienze culinarie.

Con questo ingrediente, il piatto più celebre è la vellutata di Eddos: deliziosa, ma più adatta ai mesi freddi. L’eddos, re di ricette d’ispirazione orientale è innanzitutto un tubero dall’aspetto simile alle patate, e va sempre cucinato prima di essere consumato (pena dolore e infiammazioni allo stomaco, oltre che un pessimo sapore). Eddos, proprietà: il taro è ricco di calcio (ottimo per bambini e donne in menopausa), magnesio e potassio. I grassi, poi, sono totalmente assenti e, con le sue (sole) 112 kcal per 100 grammi, è un’ottima alternativa a pane e pasta!

Acquista Eddos

DIFFICOLTÀ: 1

COTTURA: 10′

TEMPO DI PREPARAZIONE: 20′

Ingredienti per gli gnocchi di eddos vegetariani (4 persone)

1 kg di Eddos (o Taro)
60 gr di Farina
1 uovo
400 gr di piselli
Olio evo
Sale e pepe nero q.b.

Eddos

Preparazione degli gnocchi di eddos vegetariani

Iniziate a lessare l’eddos in una pentola a pressione: una volta cotto, sbucciatelo e schiacciatelo con uno schiacciapatate. In una ciotola, aggiungete la farina, il sale, un pizzico di pepe e l’uovo sbattuto. Impastate tutto a mano e con l’aiuto di un apposito tagliere scanalato per fare gli gnocchi, date forma al vostro primo piatto.

Buttateli in acqua bollente salata e raccoglieteli con la schiumarola dopo qualche minuto. Non devono cuocere molto a lungo perchè andremo a saltarli in padella e dovranno mantenere la loro forma: non vogliamo che si disfino.

In una padella fate scaldare dell’olio e poi fate cuocere i vostri piselli. Se li avete scelti congelati, vi basterà seguire le istruzioni riportate sulla confezione, mentre se sono freschi cuoceteli con dell’acqua di cottura degli gnocchi per circa 2 minuti. Infine, fate saltare il tutto in padella per un minuto circa. Non eccedete con i tempi di cottura perchè sia i piselli che gli gnocchi scuociono molto facilmente.

L’eddos in Italia è ancora poco conosciuto, ma si sposa bene anche col palato di chi non è troppo avvezzo a provare la cucina orientale. Se questa ricetta per come cucinare il taro non vi convincerà, lo faranno le sue splendide sfumature blu!

Banner generici frutta Image Banner 300 x 250 4
0/5 (0 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 20-04-2017


Cacio e pepe al lime

Spinacine fatte in casa