Ingredienti:
• 3 patate
• 1 cucchiaio di fecola di patate
• 1 pizzico di aglio in polvere
• sale q.b.
• olio di semi q.b.
difficoltà: facile
persone: 4
preparazione: 15 min
cottura: 15 min

Le patate hash brown sono un piatto tipico americano consumato a colazione. Ecco la ricetta delle frittelle di patate grattugiate.

Le patate hash brown anche note come hash brown, hashed brown potatoes, hashed browned potatoes, o ancora hashed and browned potatoes sono un prodotto tipico americano consumato a colazione ma utilizzato anche all’interno degli hamburger per donare croccantezza. Il nome letteralmente significa patate grattugiate ed è chiaramente riferito alla tecnica di preparazione.

Questo piatto sfizioso infatti si prepara lessando le patate, grattugiandole e poi formando delle frittelle, tenute insieme con la fecola di patate. La ricetta delle frittelle di patate però è solo apparentemente semplice: il rischio che non stiano insieme in cottura è sempre in agguato ed è per questo che vogliamo svelarvi tutti i nostri segreti per ottenere un piatto croccante e perfetto.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

hash brown
hash brown

Come preparare la ricetta delle hash brown

  1. Per prima cosa sbucciate le patate e lessatele per 10 minuti. Una volta che saranno tornate maneggevoli, grattugiatele con una grattugia a fori grossi e riunite il tutto in una ciotola.
  2. Incorporate la fecola, un pizzico di aglio in polvere e una presa di sale e mescolate bene il tutto. Dovrete ottenere un composto non troppo asciutto ma che stia facilmente insieme. Volendo, per sicurezza, potete aggiungere un uovo ma vi scosterete dalla ricetta originale.
  3. Su una teglia rivestita di carta forno formate delle frittelle schiacciando bene con le mani circa un cucchiaio di composto. Mettetele poi a riposare in frigorifero per 30 minuti.
  4. Scaldate un dito di olio di semi e friggete le hash potatoes fino a che non risulteranno dorate, girandole con delicatezza a metà cottura. Mano a mano che sono pronte, scolatele con una paletta e passatele su carta assorbente. Servitele calde.

Probabilmente questa ricetta vi ricorderà quella del rosti di patate, una ricetta tipica del Trentino Alto Adige e della vicina Austria.

Conservazione

Per poter apprezzare la croccantezza del piatto il nostro consiglio è di consumarlo subito. È tuttavia possibile conservarlo un paio di giorni in frigorifero e riscaldarlo leggermente in padella o al forno prima di consumarlo.

0/5 (0 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 16-04-2022


Ragù calabrese, il profumo della domenica al Sud

Ciaramicola, il dolce pasquale della provincia di Perugia