Molte bibite gassate sono ricche di zuccheri e se assunte troppo spesso possono essere causa di obesità

Le bibite gassate zuccherate, sono una delle principali cause di obesità, specialmente tra i bambini. Per questo motivo i medici inglesi della British Medical Association sono intervenuti chiedendo al governo una tassa del 20% su tali bevande.

Leggi anche: Ansia e depressione: questo è ciò che provoca il junk food oltre a far ingrassare

In questo modo i medici sperano che l’acquisto di bevande gassate diminuisca e di conseguenza ne diminuisca anche il consumo, specialmente tra i bambini.

Seguendo delle tasse del genere, potrebbero essere 180.000 in meno le persone obese nel Regno Unito, un calcolo approssimativo basato su esperimenti già fatti in altri paesi con simili legislazioni sulle bevande gassate. Anzi, tassando queste bevande, si potrebbe raggiungere un prezzo più ragionevole su cibi più salutari come frutta e verdura.

La pericolosità delle bevande gassate, sta nel fatto che le si assumono quasi inconsapevolmente in grandi quantità e non ci si rende conto di quanti zuccheri possano contenere. Inoltre le bibite gassate sono spesso associate a cibo spazzatura, per questo motivo i medici inglesi, non solo chiedono la tassa sulle bibite, ma anche delle regolamentazioni restrittive sulle pubblicità del cibo spazzatura.

I medici auspicano che le loro richieste vengano messe in pratica perchè i numeri relativi all’obesità sono più spaventosi di quelli che riguardano alcol o fumo. Secondo una ricerca, sono state registrate 700.000 morti premature, in Gran Bretagna, a causa di alimentazione sbagliata e troppo ricca di zuccheri.

Bibite gassate si, ma con parsimonia e non troppo abitualmente, per il bene della propria dieta e anche dei propri denti.


Papa Francesco invita al cibo low cost: la curia deve dire addio ai ristoranti di lusso

L’Apple Watch può fare davvero di tutto, anche l’arrosto!