Cacao e cioccolato: cibo degli Dei

Grande novità di Expo Milano 2015 i Cluster 2015. La parola inglese significa “gruppo, raggruppamento”, infatti i vari Paesi vengono raggruppati seguendo delle identità tematiche e filiere alimentari, senza tenere conto della posizione geografica. C’è il cluster del riso, del caffè, delle spezie, della frutta e legumi, e c’è anche quello relativo al cacao e cioccolato, dove i Paesi condividono lo stesso spazio in cui si sviluppano vari eventi, quali degustazioni e  mostre di vario genere.

Leggi anche: mangiare a expo: qualche indicazione

I Paesi partecipanti sono sei: Camerun, Costa d’Avorio, Cuba, Gabon ,Ghana e Sao Tomé Principe, ma per ora sono visitabili solo Costa D’Avorio e Ghana.

Il concept del cluster trae la sua ispirazione dalle piantagioni delle aree tropicali in cui si coltiva il cacao, l’allestimento è realizzato da pali di diverse altezze che sono la metafora degli alberi sotto i quali nasce il cacao. In questa atmosfera il visitatore ha quasi l’impressione di trovarsi in una giungla.

All’ interno del padiglione un percorso principale collega le varie aree, con diversi pannelli che indicano i percorsi. Ci sono vari spazi, tra cui l’area eventi, il teatro all’aperto, la zona riservata alle performance gastronomiche, un’area relax e un’area degustazioni, dove è possibile acquistare e gustare cioccolato di ogni tipo e provenienza.

La Costa d’ Avorio è uno dei maggiori produttori di cacao del pianeta e partecipa ad Expo con il tema ” nutrire in maniera sostenibile l’umanità a partire dal migliore cacao della Costa d’Avorio e degli altri prodotti agricoli”, lo stand sembra un museo virtuale dove vengono presentate le fasi della produzione del cacao dalla coltivazione, alla raccolta e alla suo trasformazione. I visitatori potranno assistere anche a spettacoli di artisti locali, danze e degustazioni.

Il Ghana ha come tema ” Cacao, la tua ricchezza, il tuo benessere, la tua eredità” ed espone la propria interpretazione della coltivazione del cacao, iniziata come attività familiare per poi crescere diventando una delle industrie a maggior produzione di cacao a livello sostenibile. Nel suo stand il Ghana parla delle proprietà del cacao e della sua storia, dal 1500 a.C. ad oggi.

C’è anche un Italian District dove è possibile acquistare cioccolato di provenienza italiana. Inoltre Gianluca Franzoni il Presidente di Domori, il rinomato brand di cioccolato gourmet del gruppo Illy, incontrerà tutti i venerdi sera nel Teatro all’aperto dalle 17.00 alle 18.00 scrittori, musicisti e artisti per esplorare il rapporto fra cioccolato e letteratura, arte e musica.

Nel padiglione italiano sono rappresentati i distretti di Modica, Perugia e Torino, tre territori che hanno saputo legare all’ Italia anche la produzione di qualità del cioccolato.

 

Scopri i consigli per una casetta di pan di zenzero perfetta


Margarina e grassi idrogenati artificiali mettono a rischio la memoria

Illy presenta la nuova collezione di tazzine per Expo