Nuovi cereali Kellogg’s ispirati al cartone animato della Disney Frozen e ai suoi più amati personaggi.

Kellogg e Disney regalano mattine magiche e scintillanti e portano il divertimento a colazione con i nuovi cereali Kellogg’s Frozen.

I cereali Disney Frozen di Kellogg’s, ricchi di fibre e contenenti cereali integrali e nove vitamine e minerali essenziali, sono stati prodotti tenendo conto delle linee guida nutrizionali di Disney.

Dal 2006, infatti, Disney Company si impegna a fornire delle chiare linee guida nutrizionali che permettano di creare alimenti più sani per i bambini.

«Le famiglie e i bambini di tutto il mondo sono rimasti affascinati dal fenomeno Frozen e dai suoi personaggi – ha dichiarato Carolina Simonetto (Kellogg’s Frozen Brand Manager per il Sud Europa).

In Kellogg ci impegniamo ogni giorno per deliziare i nostri consumatori a colazione fornendo loro un’ampia gamma di prodotti e marchi, ed è per questo che siamo incredibilmente entusiasti di collaborare con Disney.Siamo sicuri che i nuovi cereali Disney Frozen porteranno un pizzico di magia a colazione anche nelle tavole degli Italiani».

I cereali Disney Frozen di Kellogg’s sono già disponibili a scaffale. Il loro arrivo è avvenuto pochi mesi dopo illancio di Frozen Fever, il nuovo cortometraggio animato firmato Disney. Frozen Fever è arrivato nei cinema italiani insieme al film Cenerentola, a marzo 2015. Il corto ci racconta del compleanno di Anna e dei preparativi di Elsa e Kristoff decisi a darle la migliore celebrazione di sempre, ma i poteri di ghiaccio di Elsa metteranno a rischio più di una semplice festa.

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 27-10-2015


Dieta Mediterranea: combatte la demenza senile e fa bene al cervello

Cibi scaduti: il 55% degli italiani li consuma, Coldiretti lancia l’allarme