Il colesterolo alto è un problema che affligge sempre più italiani. Scopriamo quali sono i cibi da evitare e cosa fare per tenerlo sotto controllo.

Sempre più spesso si sente parlare di colesterolo alto e di quanto sia importante condurre uno stile di vita sano, fatto di attività fisica e corretta alimentazione. L’ipercolesterolemia, ossia il colesterolo alto, una patologia in netto aumento, è causata principalmente da un’alimentazione scorretta, ma talvolta può esserci una componente genetica, la stessa che porta alla patologia dell’ipercolesterolemia famigliare, ossia quella che coinvolge anche i bambini.

Seguire una dieta sana ed equilibrata, meglio se di stampo mediterraneo, potrebbe non essere sufficiente a tenere sotto controllo il colesterolo HDL (High Density Lipoprotein) e il colesterolo LDL (Low Density Lipoprotein). Il primo, anche detto colesterolo buono, è fondamentale per regolare il secondo, ossia quello cattivo, responsabile dell’insorgere di malattie cardiovascolari data la facilità con cui tende a depositarsi nei vasi sanguigni.

Se nelle vostre analisi notate dei valori troppo elevati, dovrete consultare il vostro medico, che saprà consigliarvi al meglio. Fatte le dovute premesse, scopriamo insieme quali sono gli alimenti assolutamente da evitare per tenere sotto controllo il colesterolo cattivo e quali invece possono aiutarci a combatterlo!

I 10 cibi da evitare in caso di colesterolo alto

Cibi da evitare in caso di colesterolo
Cibi da evitare in caso di colesterolo
  • Grassi animali: strutto, lardo e burro sono da evitare a favore di grassi vegetali come olio di oliva e di semi.
  • Frattaglie: trippa, fegato, cervello e reni contengono elevate quantità di colesterolo.
  • Carne e insaccati: in generale tutti gli alimenti di origine animale sarebbero da ridurre per ridurre il rischio cardiovascolare.
  • Latte e derivati: il latte intero in particolare, ma anche formaggi grassi e yogurt vanno ridotti.
  • Zuccheri come zucchero bianco e glucosio andrebbero abbandonati.
  • Bevande alcoliche: anche se non ci si pensa, le bevande alcoliche tendono a essere molto zuccherine e vanno quindi limitate.
  • Farine raffinate: utilizzate per la produzione di pasta, pane e pizza innescano un processo che spinge l’organismo a produrre colesterolo. Meglio optare per cereali integrali biologici.
  • Caffè: è bene non esagerare, sebbene non faccia male nel limite delle 3 tazzine al giorno.
  • Uova: in caso di ipercolesterolemia la dose massima consigliata di uova è di 2 alla settimana.
  • Salse confezionate: tendono a contenere elevate quantità di zuccheri e sono da evitare.

Come abbassare il colesterolo? La dieta

Un regime alimentare come la dieta contro il colesterolo si basa sull’assunzione di quei cibi che possono correre in nostro aiuto per garantire il mantenimento di un buon equilibrio tra LDL e HDL. Come avrete notato, a contenere colesterolo sono principalmente gli alimenti di origine animale; per questo motivo nella dieta sarebbe opportuno introdurre cereali poco raffinati, verdure e legumi. Via libera anche a pesce azzurro e a condimenti vegetali come l’olio di oliva e di semi.

Verdure miste al forno
Verdure miste al forno

Vediamo nel dettaglio, in caso di colesterolo alto, cosa mangiare.

  • Via libera a cereali e pseudocereali: preferibilmente vanno consumati quelli integrali, maggiormente ricchi di fibre. Libero spazio alla fantasia nella scelta tra diverse varietà di avena, orzo, riso, mais, farro, quinoa e così via.
  • Anche i legumi sono un prezioso alleato. Fagioli, piselli, ceci, fave, lenticchie e molti altri possono aiutare il nostro corpo a tenere sotto controllo i livelli di colesterolo.
  • Per quanto riguarda i condimenti è buon norma preferire quelli di origine vegetale, rispetto a quelli di derivazione animale: l’olio extravergine di oliva, meglio ancora se spremuto a freddo, è un’ottima scelta. Chi preferisce gusti più delicati può optare per l’olio di semi di zucca e l’olio di semi di lino.
  • Anche la soia, che può essere consumata attraverso il tofu, ovvero il formaggio di soia fermentata, è un altro dei cibi ok per le nostre arterie.
  • Lode anche alla frutta secca: spazio quindi a pistacchi (ovviamente in forma naturale, non salati), noci, nocciole, noci di macadamia, anacardi, arachidi ecc. Bisognerebbe consumarne una porzione al giorno di 30 grammi per ottenere dei benefici in questo senso.
  • Preferire la carne bianca invece di quella rossa e mangiare 2-3 volte a settimana il pesce (meglio se pesce azzurro come sardine, sgombri e alici), aiuta ulteriormente a garantire il benessere del nostro corpo nel tempo.
  • Largo spazio alle verdure, meglio se di stagione, mentre è meglio consumare solo due frutti al giorno.

Oltre ad una dieta sana è molto importante lo stile di vita: attività fisica regolare e niente fumo sono la chiave di volta per abbattere definitivamente il colesterolo.

I rimedi della nonna contro il colesterolo alto

Secondo le nonne, un ottimo rimedio per il colesterolo sarebbe a base di ceci. Si mettono dunque 15 ceci in un bicchiere d’acqua e si lasciano in ammollo per 13 ore. La mattina, a digiuno, si buttano i ceci e si beve l’acqua: dopo 15 giorni di cura si ripetono gli esami del sangue e si noterà che il colesterolo è sceso. Sulla veridicità di questo antico rimedio non possiamo garantire, ma la scienza è d’accordo sul fatto che i ceci (e i legumi in generale) siano un ottimo alleato contro il colesterolo!

Ceci tostati e speziati
Ceci tostati e speziati

Sempre secondo l’antica saggezza, se avete il colesterolo alto, potreste provate ad aggiungere una cipolla, da consumare cruda, alla vostra dieta regolarmente, come se si trattasse di una vera e propria medicina. La cipolla, in effetti, è nota per le sue proprietà ipocolesterolemizzanti, come ha sostenuto anche un gruppo di ricercatori della Chinese University di Hong Kong (ottobre 2010).

Scopri i consigli per una casetta di pan di zenzero perfetta

TAG:
consigli alimentari

ultimo aggiornamento: 01-10-2020


Perché le bottiglie di vino hanno il fondo concavo? Ecco 4 motivi

Come alzare la pressione bassa (e cosa mangiare in caso di ipotensione)