Un vero trionfo di sapori: ecco le mafalde al sugo di baccalà.

Buonissime e sostanziose le mafalde al sugo di baccalà, con una salsa preparata con pomodori freschi (ma vanno bene anche i pelati confezionati) e con del baccalà saporito.

Per il baccalà, è molto importante che lo lasciate in ammollo per due giorni, cambiandogli l’acqua due volte al dì, in modo tale che il merluzzo perda la maggior parte della salatura. Il pesce rimarrà sapido ma senza esagerare, e costituirà un perfetto condimento a questa pasta. Le mafalde sono l’ideale con questo sugo, ma andranno bene anche lasagnette, pappardelle, linguine e bigoli.

DIFFICOLTÀ: 1

COTTURA: 30′

TEMPO DI PREPARAZIONE: 30′

INGREDIENTI: *4 persone*

  • 500 gr di baccalà ammollato
  • 800 gr di pomodori per sugo (o 2 confezioni di pelati in latta)
  • 1 cipolla
  • 1 bicchiere scarso di vino bianco secco
  • olio extra vergine di oliva
  • prezzemolo fresco
  • sale
  • peperoncino fresco

PREPARAZIONE:

Per preparare le vostre mafalde al sugo di baccalà, cominciate a tagliare a pezzi o a tranci il baccalà che avrete messo in ammollo per un paio di giorni.

Tritate finemente al coltello la cipolla bianca, o in alternativa lo scalogno, fatela rosolare in olio evo con qualche pezzetto di peperoncino fresco e poi versate nella padella i trancetti di baccalà.

Sfumate con il vino bianco secco e lasciate cuocere il baccalà senza farlo seccare. Spegnete un attimo il fuoco, recuperate i tranci di baccalà e sminuzzateli al coltello, poi rimetteteli in padella con un altro poco di olio.

Versate i pomodori pelati – prima frullati – o la passata di pomodoro, o in alternativa i pomodori freschi prima sbucciati. Fate cuocere il sugo insieme al baccalà, evitando di aggiungere altro sale (assaggiate), fino a completa cottura.

Cuocete la pasta e poi scolatela nel sugo, mantecando il tutto. Spolverizzate con un po’ di prezzemolo fresco tritato finemente.

Servite le vostre mafalde al sugo di baccalà fumanti.

Profumo e gusto con le penne rigate al sugo di sgombro

BUON APPETITO!

Fonte foto: Flickr

0/5 (0 Reviews)

Mai più dieta punitiva!


Muffin vegani al latte di soia e mirtilli

Ricetta salva spesa: Terrina di patate all’arlecchino