Melograno: le proprietà, i benefici, le ricette e come pulirlo

Tutto sul melograno: le proprietà, i benefici gli usi in cucina

Scopriamo tutto sul melograno: le proprietà, i benefici, le ricette e come pulire al meglio questo meraviglioso frutto.

Il melograno è un frutto ricco di proprietà benefiche per il nostro organismo, tanto da essere considerato addirittura un alimento farmaco, ma soprattutto si tratta di un frutto gustoso e succosissimo, ideale sia da mangiare al naturale, che per creare ricette sfiziose e particolari.

Ma prima di addentrarci in questo viaggio alla scoperta delle sue proprietà, partiamo da una semplice domanda: si dice melograno o melagrana? La risposta è: in tutti e due i modi! Originariamente, si intendeva per melograno l’albero originario della Cina, e con melagrana il suo frutto; da qualche tempo, però, è stato ammesso nell’uso della lingua italiana anche il termine melograno per indicare il frutto.

Il periodo della sua maturazione è l’autunno, quando vengono raccolti i frutti, ma si può conservare addirittura per un mese se tenuto a una temperatura di 5 °C. Inoltre, è un tipico frutto che si utilizza per addobbare le tavole natalizie.

Melograno: le proprietà benefiche

Sono tante le proprietà e i benefici del melograno, e non a caso in fatti spesso ne sentiamo parlare come di un frutto che fa molto bene per il nostro organismo. Niente di più vero! Il melograno infatti è un vero e proprio superfood, conosciuto soprattutto, oltre che per il suo sapore, per le sue qualità antiossidanti e per le tante vitamine contenute al suo interno. E pensate che alcuni ne parlano addirittura come un alimento-farmaco! Siete curiosi di scoprire perché?

Innanzitutto, questo è un frutto che aumenta in maniera sostanziale le nostre difese immunitarie, e per questo possiamo considerarlo come uno fra gli alimenti perfetti per prepararci all’autunno, visto anche il suo periodo di maturazione. Assumere la melagrana significa tra le altre cose prevenire alcuni dei più comuni disturbi da stagioni fredde e infezioni batteriche.

Melograno
FONTE FOTO: https://pixabay.com/it/melograno-frutta-dimezzato-neutro-2086545/

I suoi granelli sono ricchi di succo, che a sua volta è colmo di Vitamina C, antiossidanti, ma anche Vitamine del gruppo A, B, K ed E. Per di più, dentro a questo frutto si trovano anche i fenoli (specialmente acido gallico, granatina, punicalina, punicafolina e altri ancora), che sono molto attivi nel contrastare i radicali liberi, che sono fra i maggiori responsabili dell’invecchiamento dei tessuti e della pelle.

Ecco perchè il melograno è un ingrediente preferito nelle formulazioni di prodotti specifici per la skincare: anche Abiby, piattaforma online che vende cosmetici e beauty box in abbobamento, ne spiega i principali benefici ed offre linee di prodotti per la pelle completamente a base di questo superfood.

In generale, dunque, il melograno è un ottimo antiossidante, antibatterico, antitumorale (grazie all’acido punico), ma anche gastroprotettivo, coagulante e vasoprotettore. Infine, si tratta anche di un frutto indicato per chi soffre costantemente di problemi intestinali, grazie alla sua funzione astringente e vermifuga. Assumerlo, infatti, serve anche a purificare l’intestino e a evitare la formazione di cibo.

Per quanto riguarda le calorie, il melograno contiene circa 70 kcal ogni 100 g.

Come sbucciare il melograno

Sembrerà una domanda banale, ma vi siete mai chiesti come aprire un melograno? In realtà esistono tanti modi diversi, e dipende anche dall’uso che volete fare dei semi. Ad esempio, se volete semplicemente gustare qualche chicco di melograno senza perdere troppo tempo, potete dividerlo a metà e cercare di sgranare il frutto aprendolo con le mani e dilatando la buccia robusta, così da far separare i chicchi dalla pellicina bianca.

Un altro modo è quello di servirsi con un cucchiaio per scavare al suo interno, oppure di utilizzare il medesimo utensile per dare dei colpetti sulla superficie del frutto e far cadere i semi dentro una ciotola.

Se invece volete sbucciarlo e divedere perfettamente tutti i chicchi per utilizzarlo in cucina o preparare una marmellata o estrarre il succo, allora potete seguire questo semplice metodo!

Cominciate a rimuovere la corona, che si trova sulla parte superiore, e poi incidete lungo il corso della buccia per dare vita a otto spicchi. Procuratevi poi una ciotola d’acqua fresca e immergetevi il frutto per una decina di minuti circa. Una volta atteso il tempo necessario, estraetelo e vedrete che i chicchi rimanere sul fondo. Sciacquateli, e il gioco è fatto!

Se poi volete estrarre il succo, avete diversi modi. Potete utilizzare uno spremiagrumi per melograno, una centrifuga, il Bimby o un frullatore.

Risotto al melograno
Risotto al melograno

Le migliori ricette con il melograno

Succoso e soddisfacente, del melograno si consumano i piccoli chicchi che contiene al suo interno, nascosti dietro la robusta buccia dal colore rossastro. Scopriamo insieme quali sono le migliori ricette da provare con questo meraviglioso ingrediente: ce n’è davvero per tutti i gusti!

Il modo più classico è quello di spremere i suoi chicchi e creare un delizioso succo di melograno, ottimo da bere al mattino o per rinfrescarsi durante la giornata. Più elaborato, invece, il liquore al melograno, dal momento che per prepararlo dovrete seguire bene tutti i passaggi, dalla sterilizzazione delle bottiglie ai dosaggi perfetti.

Ma con il melograno si possono realizzare anche primi, secondi e contorni sfiziosi. Potete usarlo nelle insalate, farlo diventare il protagonista di un risotto leggero e sfizioso oppure usarlo per creare una salsa che potrà accompagnare i vostri piatti a base di carne. Infine, non si può non citare la marmellata di melograno, poco usata ma dal sapore davvero travolgente!

Aggiungi al ricettario

ultimo aggiornamento: 17-09-2019

X