Cosa fare con il miele scaduto ma soprattutto come capire se il nettare degli dei è ancora commestibile oltre la data riportata in etichetta.

Il miele è uno degli alimenti con periodo di conservazione più lungo e lo dimostra il ritrovamento di un vaso di miele all’interno di una tomba di un faraone egizio. Chiaramente quello era miele scaduto da qualche migliaio di anni eppure è stato considerato ancora commestibile. Inutile chiedersi se qualcuno l’ha assaggiato per verificare questa affermazione. Piuttosto vediamo di capire quanto dura il miele dopo la scadenza e poi se ci sono pericoli nel consumarlo.

10 ricette per arrivare pronti alla prova costume

Cosa succede se si mangia miele scaduto?

Mangiare miele scaduto da qualche mese in realtà non fa male e i medici sono concordi nell’affermarlo. Certo però ci sono alcuni parametri che possono invalidare l’affermazione. Sappiamo infatti che consumare cibi scaduti non sempre è pericoloso e che molto dipende dal loro stato di conservazione.

Il discorso vale anche per il miele: per conservarlo a lungo occorre non esporlo ai raggi diretti del sole, evitare sbalzi termici (la temperatura ideale è di 20°C) e chiudere sempre bene il tappo. La lunga conservabilità del miele dipende poi dalla qualità dello stesso. Quello artigianale, prodotto da piccoli apicoltori, è di qualità superiore e si può conservare davvero per anni.

Quello prodotto a livello industriale invece potrebbe contenere troppa acqua e quindi guastarsi più velocemente. Già perché è proprio il basso contenuto di acqua (tra il 16 e il 18%) e l’elevato contenuto di zuccheri a far sì che non si sviluppino lieviti e quindi muffe.

È naturale invece che con il passare del tempo il miele tenda a cristallizzare, ossia indurirsi. Questo non significa che non è più commestibile, solo che non è stato conservato a dovere. Potete comunque utilizzarlo riscaldandolo per qualche minuto e ripristinandone così la naturale consistenza.

Ma come capire se il miele è andato a male?

Il primo esame è sempre quello visivo quindi se la superficie del miele non presenta segni di muffe, in linea di massima è ancora commestibile. Dovete tenere presente infatti che la data di scadenza del miele in realtà è un termine minimo di conservazione, ossia un intervallo di tempo durante il quale il miele mantiene inalterate le sue proprietà (antisettiche e antibatteriche) e il suo valore nutritivo.

Se invece non vi fidate e cercato come si può utilizzare il miele scaduto allora il nostro consiglio è di renderlo un cosmetico: il miele infatti è perfetto come scrub, aggiungendo zucchero di canna o sale, per creare delle maschere fai da te per il viso o ancora come cera depilatoria.

Possiamo quindi inserire il miele tra i cibi che non scadono mai: ottimo vero?

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 18-11-2021


Quanto è dolce il Carnevale in Sicilia

L’UE autorizza l’immissione delle locuste sul mercato alimentare