L’olio di semi di zucca è un ingrediente molto usato sia in cucina che per mantenersi in salute. Ecco a cosa serve e come si usa.

Quando si parla di olio di semi di zucca si intende quanto si ricava attraverso la spremitura dei semi di zucca. Questi ultimi sono infatti ricchi di betasteroli, ovvero di sostanze che ricordano vagamente la struttura degli androgeni e degli estrogeni e che per questo si rivelano utili in molte situazioni.

L’olio vanta inoltre un sapore piuttosto gradevole che ne fa un un ingrediente molto valido in cucina. Motivo per cui, consumarlo dona un doppio vantaggio.

10 ricette per tenersi in forma

olio di semi di zucca
olio di semi di zucca

Olio di zucca: le proprietà più importanti

Come già accennato, l’olio di semi di zucca dona benefici diversi all’organismo.
Grazie alla presenza dei betasteroli si rivela infatti utile in menopausa, periodo della vita in cui riesce a sopperire almeno in parte alla carenza di estrogeni nella donna. Il tutto con conseguente riduzione delle vampate di calore, delle emicranie e dei dolori articolari.
Per l’uomo, apporta dei miglioramenti alla prostata, contrastandone l’ingrossamento e aiutando nella minzione.

Più in generale, è utile a contrastare il colesterolo cattivo, stimolando la produzione di quello buono. Inoltre fa bene al cuore, è in grado di regolare la pressione arteriosa, di abbassare i livelli di zucchero nel sangue e di proteggere stomaco e fegato.
Ricco di antiossidanti, si rivela anche utile per contrastare l’invecchiamento cellulare, per combattere i dolori articolari e per stimolare la rigenerazione della pelle.

Quando si pensa all’olio di zucca e a cosa serve, è quindi importante ricordare prima di tutto quali sono i benefici che apporta, sopratutto con l’avvicinarsi alla mezza età. Va inoltre ricordato che pur non avendo controndicazioni particolari ne è sconsigliata l’assunzione se si è allergici alla zucca.

Come usare l’olio di semi di zucca

Andando all’olio di zucca e all’utilizzo che se ne può fare, questo può essere assunto sia da solo (per i tanti motivi sopra elencati), che con altri alimenti. Ottimo da usare come condimento, si presta più ad un consumo a crudo che a cotto, dove andrebbe a perdere molti dei suoi benefici, , per questo non viene quasi mai indicato tra gli oli di semi per friggere. È quindi ottimo per condire le insalate, da aggiungere alla fine in creme e vellutate e per realizzare dolci che non necessitano di cottura.

Essendo un olio è ovviamente molto grasso e ricco di calorie e anche se i suoi sono per lo più grassi buoni andrebbe quindi consumato con la giusta moderazione. Parlando quindi di olio di semi di zucca, la dose giornaliera consigliata si aggira sui 30 grammi al giorno. Un’ottima scelta può essere quella di alternarlo di tanto in tanto all’olio extra vergine d’oliva.

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

Zucca

ultimo aggiornamento: 05-09-2022


“Fatto in casa per voi” e Benedetta Rossi sono tornati con nuove puntate, ecco tutti i dettagli!

Essere ecologici in cucina: il vademecum utile