La riscoperta delle ostriche rosa del delta è partita da “Dinner Club”. Ecco tutto ciò che dovete sapere, il prezzo e dove mangiarle.

Il debutto della serie “Dinner Club“, guidata dallo Chef Carlo Cracco su Amazon Prime Video ha portato a galla tantissimi prodotti e pietanze tipici di regioni e tradizioni nostrane. Tra i tanti alimenti ci sono le famose ostriche rosa del delta. Questo mollusco pregiato non è molto conosciuto in ogni parte dell’Italia ma ha tantissime caratteristiche che non vogliamo perderci!

9 ricette autunnali per la tua tavola

Ostriche rosa
Ostriche rosa

Caratteristiche delle ostriche rosa del delta

Il nome di questo particolare prodotto italiano deriva dal suo aspetto. Il colore rosa, infatti, è contenuto nelle striature che impreziosiscono il suo guscio e sono il risultato dell’esposizione ai raggi del sole. Come la denominazione stessa informa, è una varietà che viene coltivata nel delta del Po. Il metodo di lavorazione è molto elaborato e delicato, tanto da renderla una specie di altissima qualità.

Da poco, in questo territorio è stato introdotto il sistema di coltivazione ideato dal francese Florent Tarbouriech. Si tratta di un metodo a sospensione, attraverso cui le ostriche rimangono sospese su una rete di funi. In questo modo, si può controllare il loro contatto con acqua e aria. Periodi di immersione si alternano ad altri di esposizione al sole, riproducendo artificialmente l’alternanza delle maree.

Attraverso questo metodo cambia la conformazione finale del prodotto. La sua polpa è carnosa e maggiormente saporita, più grossa e croccante delle altre varietà. Il guscio, invece, è ondulato. L’accrescimento in verticale che segue l’ostrica le conferisce forma sferica, proprio come quella dei molluschi più pregiati.

Il prezzo delle ostriche rosa e dove mangiarle

Come già precisato, questo prodotto italiano viene coltivato nella zona del delta del Po. Nei suoi dintorni, è possibile trovarne una grande quantità. Basta fare un giro per i ristoranti (di qualsiasi prestigio) e agriturismi di pescatori per poterle assaggiare. Il loro prezzo, a livello locale, è anche molto modesto. Con 6 euro l’una potete gustare un mollusco dalle dimensioni molto grandi, in quanto il suo frutto ha un peso notevole. Oltre i confini locali, questo prodotto è poco diffuso. Potete trovarlo con più probabilità in ristoranti attenti alle proposte di piatti a base di pesce, specialmente in fatto di ostriche, e a un prezzo vario, tendenzialmente più alto rispetto a quello locale.

Volete assaggiarne qualcuna? Allora la regola base è sapere come aprirle!

ultimo aggiornamento: 03-10-2021


Risotto di gò: a casa come a Venezia

Cos’è il kombucha e quali sono i benefici del tè fermentato