Ingredienti:
• 300 g di farina di ceci
• 1 pizzico di peperoncino in polvere
• 1/2 cucchiaino di coriandolo in polvere
• 1 mazzetto di coriandolo fresco
• 1 pizzico di anice
• 1 pizzico di origano
• 1/2 cucchiaino di sale
• 1 pizzico di garam masala
• 1 spicchio di aglio
• 1 dito di zenzero fresco
• 2 cucchiai di olio (+ q.b. per friggere)
• 2 cipolle
• 2 patate
• acqua q.b.
difficoltà: facile
persone: 4
preparazione: 15 min
cottura: 10 min

Le frittelle di verdure sono una ricetta indiana conosciuta come pakora. Ecco come si preparano passo passo in modo facile e veloce.

Le pakora sono un antipasto fritto della cucina indiana spesso servito anche come cibo da strada. In sostanza altro non sono che delle frittelle indiane di verdure preparate con una pastella a base di farina di ceci (e quindi naturalmente senza glutine), spezie e un solo tipo di verdure. A seconda della verdura utilizzata prendono nomi diversi: i palak pakora sono con gli spinaci, il paneer pakora con il tradizionale formaggio mentre pyaz pakora e aloo pakora sono rispettivamente con le cipolle e con le patate.

Noi prepareremo questo prodotto tipico utilizzando nella stessa pastella patate e cipolle. Il risultato è qualcosa di croccante e davvero delizioso che ben si adatta ai gusti di noi occidentali. È anche possibile preparare questo prodotto tipico al forno ma sappiate che la vera ricetta prevede la frittura.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

pakora
pakora

Come preparare la ricetta delle pakora

  1. Cominciate grattugiando finemente lo zenzero sbucciato e l’aglio e riunendo il tutto in una ciotola insieme alla farina di ceci e alle spezie. Incorporate anche il coriandolo tritato finemente al coltello, l’origano e il sale, poi versate l’acqua poco per volta fino a ottenere una pastella densa ma non troppo (ne serviranno circa 550 ml). Incorporate quindi l’olio e mescolate bene.
  2. Riducete a fettine la cipolla e grattugiate le patate con la grattugia a fori grossi. Unite le verdure alla pastella e ora che il grosso del lavoro è fatto non resta che friggere.
  3. In una padella antiaderente scaldate uno strato di un paio di millimetri di olio. Lasciate poi cadere delle cucchiaiate di impasto ben distanziate e lasciate friggere per 3-4 minuti. Girate poi le vostre frittelle con una spatola da cucina e proseguite la cottura anche sull’altro lato.
  4. Mano a mano che sono pronte, scolatele e passatele su carta assorbente prima di servirle.

Per preparare le pakora al forno invece, formate dei mucchietti di pastella su una teglia rivestita di carta forno e leggermente oliata. Cuocete poi a 200°C per 15 minuti, girandole a metà cottura.

Se amate le ricette facili e veloci ma non volete rinunciare al gusto allora vi consigliamo di provare anche il rosti di patate.

Conservazione

Come tutti i fritti, anche le pakora andrebbero consumate al momento. Se però vi dovessero avanzare, conservatele in frigorifero per un paio di giorni e riscaldatele in padella prima di consumarle.

0/5 (0 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

Cucina vegana

ultimo aggiornamento: 11-06-2022


Cuculli di patate, un piatto tipico ligure poco conosciuto

La crostata dell’orso yoghi di Francesca Marsetti: ricreatela a casa!