Ingredienti:
• 700 g di semola rimacinata
• 110 g di strutto
• 350 g di acqua calda
• 1 kg di anguille sottili
• 3 patate
• 10 pomodori secchi
• 2 spicchi di aglio
• 1 mazzetto di prezzemolo
• olio q.b.
• 1 cucchiaino di sale
difficoltà: media
persone: 6
preparazione: 30 min
cottura: 90 min

La panada di anguille all’asseminese è una ricetta tipica sarda la cui preparazione ricorda quella della classica panada.

La panada di anguille è un prodotto tipico della cucina sarda. Alla vista ricorda una torta salata il cui impasto però viene preparato con strutto e semola rimacinata. Per quanto riguarda il ripieno invece, protagoniste indiscusse della panada sarda sono le anguille a cui si aggiungono patate e pomodori secchi.

Questa preparazione sarda è tipica delle festività natalizie ma ormai non è raro trovarla anche in altri periodi dell’anno. Scopriremo come prepararla con la ricetta tradizionale di Assemini, un paese alle porte di Cagliari, ossia inserendo il ripieno a crudo, proprio come avviene nella più conosciuta panada di agnello. La caratteristica della panada sarda poi è quella di essere chiusa con una decorazione a cordoncino chiamata su bai e torra (vai e vieni).

10 ricette per tenersi in forma

panada di anguille
panada di anguille

Come preparare la ricetta della panada di anguille

  1. Per prima cosa impastate la semola con lo strutto e un pizzico di sale, poi unite l’acqua calda e finite di lavorare fino a ottenere un panetto. Lasciatelo riposare per 30 minuti avvolto nella pellicola.
  2. Dividetelo poi in due parti, una più grande dell’altra (indicativamente 2/3 e 1/3) e stendete la maggiore in modo da poterla utilizzare per foderare una teglia da 26 cm di diametro. Vi consigliamo di rivestirla prima di carta forno.
  3. Tagliate poi a fettine di 3-4 mm le patate e disponetele sul fondo quindi coprite con le anguille pulite tagliate a pezzetti. È importante che le scegliate di piccole dimensioni perché sono meno grasse.
  4. Preparate un trito con aglio, prezzemolo e pomodori secchi e distribuitelo sulle anguille. Condite il tutto con un giro abbondante di olio quindi chiudete con la pasta rimasta stesa a misura. Sigillate i punti di contatto con una chiusura a cordoncino, bucherellate qui e là la superficie poi spennellatela con un tuorlo sbattuto. Cuocete a 180°C per 90 minuti, lasciandola intiepidire prima di servirla.

Come accennato, esiste un’altra versione del piatto, la panada sarda di agnello. Provatele entrambe per decidere qual è la vostra preferita.

Conservazione

La panada si conserva in frigorifero per 2-3 giorni. Vi consigliamo di consumarla a temperatura ambiente.

0/5 (0 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 30-08-2022


Arancini di riso siciliani: croccanti, deliziosi, semplicemente unici!

Alta, soffice e buonissima: è la ciambella al latte