Il panino all’astice alla conquista dello street food italiano

Come fare un infuso vegan disintossicante

Negli Stati Uniti lo chiamano lobster roll ed è un fenomeno da tempo: in Italia, invece, abbiamo scoperto il panino all’astice solo da poco, ed è stato subito amore!

Il panino all’astice, o lobster roll per dirla all’americana, sta scalando le classifiche del cibo da strada e pian pian si sta avvicinando alla grande ristorazione, dove viene proposto in maniera più glamour o rivisitata. Ma la sostanza non cambia: il panino all’astice è una vera mania che sta prendendo piede velocemente e che arriva dritta dritta dalle coste del Maine, negli Stati Uniti d’America.

Questo panino ha una storia che comincia tra i marinai americani, quando sui pescherecci c’era una tale abbondanza di astice che veniva considerata una punizione mangiarne tanto; addirittura si poteva pescare con le mani, poichè se ne trovavano a bizzeffe anche vicino alla riva. Con tutto l’astice avanzato si preparavano addirittura dei mangimi per animali. Con il passare del tempo l’astice è diventato un prodotto di lusso e solo recentemente noi italiani abbiamo scoperto questa fantastica alternativa al classico hamburger. Il lobster roll è stato uno dei panini più apprezzati all’Expo di Milano dello scorso anno, presentato nel padiglione degli Stati Uniti.

A Roma e a Milano sono da poco stati aperti dei locali specializzati (i cosiddetti Burger & Lobster): citiamo il “Ted”, inaugurato nella Capitale, e il “Corallo Lobster Bar” nel capoluogo lombardo.

Ma come si prepara questo mitico panino?

La farcitura è costituita da polpa di astice, maionese, succo e scorza di limone, sedano tritato, burro (per cuocere la polpa di astice), capperi tritati, erba cipollina, sale fino e pepe nero e ovviamente un buon panino, bello morbido.

Voglia di astice? Provate i paccheri all’astice e salsa di pomodoro fresco

“Lobster Roll – Lobster Pot in Provincetown MA” by m01229, used under CC BY 2.0 /Modified from original

Non perderti le altre golose ricette di Primo Chef, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 09-07-2016

Caterina Saracino