Contenitori e pentole di alluminio sono tra i più utilizzati nelle cucine professionali, ma a lungo ci si è chiesto se facciano male alla salute. Ecco cosa dice la scienza.

Le pentole in alluminio e, più in generale, i tegami e i contenitori ottenuti da questo materiale, sono largamente impiegati nelle cucine professionali e non. Da tempo però ci si interroga se gli ossidi presenti in questo metallo, a contatto con gli alimenti, possano in qualche modo contaminarli provocando rischi alla salute.

Per tentare di dare risposta a questo interrogativo, diverse ricerche scientifiche si sono occupate del problema giungendo a conclusioni pressoché identiche. Contenitori e pellicole in alluminio non sono dannosi per la salute a meno che non vengano utilizzati per la cottura o la conservazione di alimenti acidi. Vediamo però di approfondire questa affermazione!

Pentole in alluminio
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/padelle-pan-cucina-cook-collettiva-4154155/

Le pentole in alluminio non fanno male

Le pentole in alluminio sono tra le più impiegate nell’alta ristorazione per via della loro leggerezza, della resistenza e dell’ottima conducibilità termica. Se acquistate di qualità, le pentole in alluminio sono state sottoposte a un procedimento chiamato di anodizzazione.

Questo trattamento elettrochimico crea uno strato resistente sulla superficie che evita la cessione degli ossidi. Creando una barriera tra l’aria e il metallo, poi, rende la superficie più resistente, meno soggetta ai graffi e anche leggermente antiaderente, caratteristica che altrimenti l’alluminio non avrebbe.

Come regola generale sarebbe opportuno non conservare mai i cibi oltre le 24 ore a contatto con l’alluminio ed è bene evitare di pulire pentole, tegami e contenitori vari (compresa la caffettiera), con detersivi aggressivi che potrebbero rovinare lo strato di copertura.

E per i cibi acidi?

Nonostante questo trattamento, il problema della cottura o della permanenza dei cibi acidi in questi contenitori permane.

Ecco perché l’alluminio non andrebbe mai posto a contatto con succo di limone, aceto, salsa di pomodoro. Lo stesso vale anche per alimenti particolarmente ricchi di sale come acciughe, capperi e salamoie.

Per queste preparazioni è meglio preferire pirex o ceramica.

Spesa intelligente e fake news: scarica QUI la guida per difendersi ai tempi del coronavirus.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/padelle-pan-cucina-cook-collettiva-4154155/

Il ricettario d’autunno per piatti gustosi e profumati

TAG:
consigli alimentari

ultimo aggiornamento: 03-04-2020


Avete mai sentito parlare della cascara? È un infuso… di bucce di caffè

Cos’è (e a che cosa serve) la frollatura della carne