Ingredienti:
• 4 uova
• 1/2 l di acqua
• 1 testa aglio
• persa (o maggiorana) q.b.
• 4 fette di pane
• olio di oliva q.b.
• sale q.b.
• pepe q.b.
difficoltà: facile
persone: 2
preparazione: 10 min
cottura: 10 min

Direttamente dall’Isola d’Elba arriva la ricetta per la zuppa persata di Fulvio Anselmi, a base di uova, pane, aglio e la speciale persa.

La persata è una zuppa la cui ricetta ha origini italiane. Una preparazione riscoperta da Fulvio Anselmi, abitante dell’Isola d’Elba che, con semplicissimi ingredienti, porta avanti la tradizione di questa preparazione davvero gustosa. I componenti base sono aglio, uova, pane e olio, tutti prodotti genuini e molto diffusi nella tradizione culinaria italiana. L’ingrediente caratterizzante di questa ricetta è la persa. Stiamo parlando di una particolare erba aromatica, il cui sapore è molto simile a quello della maggiorana. Se non riuscite a trovare la prima, infatti, potete usare la seconda.

Con origini molto antiche, la ricetta per questa zuppa è stata tramandata negli anni di generazione in generazione. Tante sono le versioni rivisitate, ma oggi ce n’è una davvero imperdibile. La proposta migliore è quella di Anselmi, facile e semplice. Se siete pronti, trasferiamoci in cucina!

9 ricette autunnalli per la tua tavola

Persata
Persata

Preparazione della ricetta per la persata

  1. Prima di cominciare, abbrustolite le fette di pane.
  2. Prendete una pentola di medie dimensioni e riempitela con mezzo litro di acqua.
  3. Aggiungete un po’ di sale (tanto quanto basta per salarla leggermente).
  4. Sbucciate l’aglio e mettete nella pentola 5 spicchi.
  5. Unite anche 3 cucchiai di olio e un generoso mazzetto di persa (o maggiorana). Lasciate sobbollire per 7 minuti.
  6. Trascorso questo tempo, aggiungete un uovo alla volta nel brodo.
  7. Fate bollire per due minuti e mezzo.
  8. Su un piatto da portata, mettete le fette di pane e strofinatele con l’aglio.
  9. Condite con pepe, sale e olio. Prelevate le uova e posizionatele sul pane, facendo attenzione a non romperle.
  10. In ultimo, ricoprite con il brodo e, se preferite, mettete altro pepe e olio sulle uova.

Conservazione

Il consiglio migliore è di gustare la zuppa persata appena fatta e calda. In alternativa, potete conservarla in frigo per massimo 1 giorno e riscaldarla all’occorrenza.

Prima di realizzare questa preparazione, può esservi utile capire come fare un perfetto uovo all’occhio di bue.

0/5 (0 Reviews)

Crema alla banana: la ricetta classica di un dessert alla frutta

Salmì: ricetta, cos’è e le migliori proposte con questo tipo di cottura!