Il pescato fritto è un secondo molto saporito per riciclare qualche avanzo e sfruttare pesci economici, ma gustosi.

Il pescato fritto con salsa al wasabi è un piatto gourmet ed economico al tempo stesso. Potete sfruttarlo per riciclare il pane secco, un albume avanzato, peperoni mezzi cotti. Inoltre il pesce usato nella ricetta è quello che trovate al mercato a basso costo perché è tra il pescato di giornata e con tranci meno nobili.

DIFFICOLTÀ: 3

COTTURA: 40′

TEMPO DI PREPARAZIONE: 40′

INGREDIENTI PESCATO FRITTO CON SALSA AL WASABI per 4 persone

  • 600 g di filetti di pescato (san pietro, ombrina, corvina quello che trovate fresco dal pescivendolo)
  • 400 g di farina di polenta
  • 200 g di crema di peperone in conserva (fatta con avanzi)
  • 200 g di farina 00
  • 200 g di pangrattato
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 albume
  • 1 cucchiaino di wasabi
  • 1 pizzico di origano secco
  • olio extravergine
  • pepe e sale q.b.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Pescato fritto con salsa al wasabi

PREPARAZIONE PESCATO FRITTO CON SALSA AL WASABI

Per questa preparazione occorre: passaverdura; frullatore.
Il primo passaggio è la preparazione della salsa per la nappatura del pesce. Servono dei peperoni, eventualmente vanno bene anche quelli avanzati da altre preparazioni. Se sono crudi, puliteli e fateli cuocere per 40 minuti coperti, a fuoco basso. Una volta ottenuti dei peperoni morbidi, usate il passaverdura per ridurli a una purea. Dovesse risultare troppo bagnato il composto così ottenuto, saltatelo in padella per farlo asciugare.

Frullate questa crema, dopo averla fatta intiepidire, insieme all’aglio, al sale, al pepe e all’origano, aggiungendo un filo di olio per dare la giusta consistenza.

Per realizzare la salsa di wasabi, mettete l’albume in un contenitore e usate il frullatore a immersione per montarlo. Aggiungete poi il wasabi e, se serve, sale e olio extravergine a filo, fino a ottenere una consistenza simile alla maionese.

Tagliate il pesce, ottenendo delle listerelle lunghe 5 cm e larghe 2-3 cm. Intingeteli nella salsa di peperone.

Mettete a scaldare una padella con abbondante olio di semi. Intanto, mescolate le farine e preparate una superficie di appoggio, idealmente di metallo, coperta di carta assorbente: vi servirà per riporre il pesce dopo la frittura.

Quando l’olio è ben caldo, prendete i trancetti e passateli nella farina, facendo cadere quella in eccesso, eventualmente anche con un setaccio.

Tuffate il pesce nell’olio e aspettate che assuma un bel colorito dorato prima di toglierlo con una schiumarola. Ripnoetelo sulla carta assorbente, salato e servite caldo, con la salsa al wasabi.

Un’altra ricetta di pesce semplice quanto appetitosa è questa: “Pesce all’acqua pazza“.

0/5 (0 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 02-04-2017


Farfalle salmone e rucola

Curry di ananas