Ingredienti:
• 3 porri
• 3 cucchiai di olio evo
• 1 spicchio di aglio
• sale q.b.
• pepe q.b.
difficoltà: facile
persone: 4
preparazione: 5 min
cottura: 10 min

In meno di 15 minuti avrete pronto un contorno diverso dal solito e delizioso. Stiamo parlando dei porri in padella.

Pensare ai porri come un vero e proprio contorno richiede forse un minimo di sforzo di immaginazione eppure basta cucinare dei semplici porri in padella per rendersi conto che, fino a questo momento, avete sottovalutato le sue potenzialità. Sia che si tratti della sua versione più semplice, stufata in padella, che di una delle più ricche che vi presenteremo, state pur certi che ne rimarrete piacevolmente impressionati.

I porri in padella sono un contorno semplice e sfizioso che ben si accompagna sia ai piatti di carne che a quelli di pesce. Se poi vi dovessero avanzare potete anche utilizzarli per condire la pasta o preparare una deliziosa torta salata. Insomma, non ci sono scuse per non prepararli.

10 piatti detox per rimettersi in forma dopo le feste

porri in padella
porri in padella

Come preparare la ricetta dei porri in padella

  1. Per prima cosa rimuovete la barbetta finale dei porri e lo strato più esterno. Tagliateli poi a fette di circa mezzo centimetro di spessore così da ottenere delle rondelle. In alternativa, divideteli prima a metà per il lungo.
  2. In una padella scaldate l’olio (o il burro) con lo spicchio di aglio quindi unite i porri. Lasciate cuocere per un paio di minuti quindi mettete il coperchio e stufateli fino a che non risulteranno teneri, ricordandovi di regolare di sale.
  3. I porri in padella sono pronti per essere gustati dopo circa 10 minuti di cottura.

Noi amiamo preparare i porri in padella con olive e capperi per renderli più saporiti. In questo caso, subito dopo averli rosolati nel condimento, unite 1 cucchiaio di olive nere o taggiasche tagliate a rondelle e 1 cucchiaino di capperi dissalati. Per il resto il procedimento rimane invariato.

Amate i sapori decisi? I porri in padella con lo speck sono la ricetta che fa per voi.

Conservazione

I porri stufati si possono conservare per un paio di giorni in frigorifero. Prima di consumarli riscaldateli in padella.

0/5 (0 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2023 - PC

Cucina vegana

ultimo aggiornamento: 04-01-2023


Un dolce francese tipico dell’Epifania: la Galette des Rois

Wonton soup… e non chiamateli ravioli in brodo!