Come pulire e cuocere gli asparagi

Finalmente è arrivato il periodo di queste verdure, e noi vi diamo qualche dritta per pulire e cuocere gli asparagi.

chiudi

Caricamento Player...

Pulire e cuocere gli asparagi è molto semplice, ma prima di darvi qualche consiglio in merito, è utile anche sapere che ci sono diversi tipi di asparagi, in commercio.
Qui c’è la nostra guida per riconoscere gli asparagi e le loro varietà

Come scegliere gli asparagi

L’unica regola a cui dovete attenervi, nella scelta degli asparagi, riguarda sicuramente il loro aspetto. Fate attenzione soprattutto alla punta, che deve essere ben chiusa e anche bella soda. Cercate di preferire degli asparagi di uguali dimensioni: questo vi aiuterà a cuocerli in modo uniforme.

Come pulire gli asparagi

Fate conto che degli asparagi, purtroppo, un buon 30% va buttato. Questo perché bisogna tagliare via la parte più bianca e legnosa del gambo. E non solo: dopo aver rimosso questa parte terminale, dovete armarvi di un pelaverdure e rimuovere del tutto la parte esterna del gambo, che è coriacea e ricca di filamenti molto antipatici al gusto. Dovete, quindi, tenere soltanto la parte interna: vedrete che, ovviamente, l’asparago diventerà sottile.

Come cuocere gli asparagi

Avete due modalità per lessare gli asparagi prima di proseguire con le preparazioni che desiderate.
Potete infatti cuocere gli asparagi a vapore, o in alternativa lessarli in acqua.

In quest’ultimo caso, è meglio legare insieme gli asparagi, in un mazzetto, e posizionarli in piedi nella pentola piena d’acqua bollente, in modo tale che le punte ne resteranno fuori, cuocendosi solo con il vapore.

Per farlo al meglio vi converebbe usare una asparagiera, ovvero una speciale pentola lunga e stretta in cui infilare il mazzetto. Ma, se non l’avete, non preoccupatevi, perché una normale pentola di piccole dimensioni farà al caso vostro.

Una volta cotti, gli asparagi possono essere impiegati per la preparazione di primi piatti di ogni tipo, frittate, quiche, torte salate, contorni, puree, minestre e tanto altro.

BUON APPETITO!

Fonte foto: Pixabay

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!