Ecco tutti i consigli e ciò che dovete sapere su tutti i tipi di coltelli da cucina, in base alle loro caratteristiche e i loro usi.

Di questo strumento ci sono davvero molte varianti. Tanti sono i parametri da valutare nella scelta dello strumento più corretto per un determinato uso. Dalla forma alla grandezza, anche i materiali dei tipi di coltelli da cucina possono indirizzarvi sulla scelta più giusta. Per avere un set completo e fornito di coltelli, quindi, passiamo in rassegna tutte le loro caratteristiche.

10 ricette per arrivare pronti alla prova costume

Tipi di coltelli da cucina
Tipi di coltelli da cucina

Come scegliere tra i tipi di coltelli da cucina

Le specifiche caratteristiche dei coltelli da cucina rendono ogni singolo attrezzo indispensabile.

Coltello da chef

Tra i più comuni c’è, senza dubbio, il coltello da chef. Possiede una lama dalla forma triangolare della lunghezza compresa tra 15-30 cm e con l’estremità superiore ricurva. Grazie alla sua forma risulta maneggevole e adatto a più usi, dal tritare o sminuzzare gli alimenti al tagliare verdure anche di grandi dimensioni.

Spelucchino

Questo accade con il famoso spelucchino, di cui ci sono due varianti. Una ha una lama della lunghezza tra 6-11 cm, l’altra ha una lama più corta e ricurva all’apice. Sono utili per pulire frutta e verdure, arrivando in punti nascosti.

Coltelli multiuso

Il coltello multiuso è un po’ più piccolo di quello da chef e sottile, che si assottiglia man mano che arriva all’apice. Disponibile anche con una lama in acciaio al carbonio, è ottimo per tagliare o sminuzzare gli alimenti più piccoli.

Coltello da cucina

Il coltello da cucina ha una lama corta e dalla punta aguzza. Adatto anch’esso per frutta e verdure, risulta ottimo per tagliare gli alimenti più duri, come patate e altri ortaggi. Potete usarlo anche per sbucciare o per togliere i semi interni al cibo.

Coltello del pane

Indispensabile è anche il coltello del pane. Questo ha una lama lunga e seghettata, nonché affilata. Grazie a queste caratteristiche risulta adatto anche per alimenti morbidi, come ad esempio l’impasto di una torta. Senza deformare l’impasto, può tagliare anche panini o baguette. Se non disponete di una spatola, usatelo anche per lisciare e spalmare creme o farciture di ogni tipo.

L’uso dei coltelli da cucina per carne e pesce

A seconda dell’utilizzo ci sono varie tipologie di coltelli tra i quali scegliere.

Coltello da intaglio

Per la carne, possiamo usare un coltello da intaglio con la punta affilata e la lama lunga e affusolata. Essendo molto sottile è ottimo per tagliare la polpa in modo lineare e regolare, per avere dimensioni omogenee.

Mannaia

La mannaia, anche nota come coltello da macellaio, ha una lama molto ampia, piatta e rettangolare. Può essere usato per sminuzzare o tagliare a fette la carne cruda. Grazie alla sua forma molto sottile ma pesante è utile anche per tagliare l’osso.

Coltello per disossare

Il coltello da disosso ha una lama sottile e con il bordo affilato. Con punta affilata e dalla lunghezza corta, è adatto per togliere l’osso senza rovinare la carne intorno. La lama rigida, inoltre, permette di tagliare anche la cartilagine.

Coltello per sfilettare

Per il pesce abbiamo il coltello per sfilettare, con una lama lunga, sottile e flessibile. La punta acuminata permette di incidere la pelle e rimuovere anche le lische, senza danneggiare la polpa.

Coltello santoku

Un’altra tipologia per il pesce è data dai coltelli santoku, di origini giapponesi. Questi sminuzzano e tagliano con precisione la polpa cruda, perché hanno lame affilate e affusolate. Sul lato piatto hanno delle piccole fossette, aiuta ad evitare che il cibo si attacchi alla superficie dello strumento; la sua conformazione lo rende utile anche per raccogliere il cibo tritato.

La manutenzione dei coltelli da cucina

Per renderli duraturi nel tempo e mantenere le loro caratteristiche sempre utili, è indispensabile avere cura di questi strumenti. Ad ogni uso, è importante togliere tutti i residui rimasti attaccati degli alimenti, che possono essere veicolo di acidità. Appena finito di utilizzarli, lavateli con acqua e detergente neutro, asciugandoli con un panno morbido, dal dorso al filo.

Attenti agli errori da evitare nell’uso dei coltelli in cucina.

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 04-07-2022


Alzi la mano chi sa come usare la pietra ollare!

Tipi di pere: curiosità sulle varietà più diffuse