L’uva è uno dei frutti più consumati in autunno e l’Italia è il maggior produttore europeo. Andiamo alla scoperta delle varietà di uva da tavola.

L’uva da tavola si differenzia da quella utilizzata per la produzione del vino sotto alcuni aspetti. Se nel primo caso infatti è sufficiente che gran parte del grappolo sia giunto a maturazione per poter essere commercializzato, nel secondo le caratteristiche si fanno più stringenti. L’uva da vino, ad esempio, può appartenere solo alla specie Vitis Vinifera (quella da tavolo può anche essere Vitis Lambrusca) e deve presentare un rapporto tra zuccheri e acidi ben preciso. Insomma, avrete capito che tra uva da tavola e da vino qualche differenza c’è.

Vediamo di capire quali sono le varietà adatte al consumo diretto così che con l’arrivo dell’autunno non ci facciamo trovare impreparati!

Varietà di uva da tavola: ecco quelle che dovreste conoscere

Andiamo alla scoperta delle varietà di acini più diffuse sul nostro territorio e delle sue caratteristiche.

Uva Red Globe. Dolce e dagli acini tondi di notevoli dimensioni, è stata importata dalla California ed è presto diventata una delle più diffuse del nostro paese.

Uva Italia
Uva Italia

Uva Italia. Il grappolo, di forma conica, è composto da acini di colore giallo verde e può arrivare a pesare 600-700 grammi. È molto dolce e con una buccia spessa e croccante.

Uva Regina. Coltivata perlopiù nel sud Italia, è caratterizzata da una buccia spessa e da una polpa dolce e aromatica. Il suo colore dorato attirerà sicuramente la vostra attenzione.

Uva cardinal
Uva cardinal

Uva Cardinal. In commercio già dai primi di agosto, ha un colore nero, acini rotondi e una polpa croccante.

Uva Moscato di Amburgo. Unica uva della categoria da potersi considerare da tavola, ha degli acini di colore marrone-rosso, la polpa soda, dolce e molto aromatica.

Uva baresana. A differenza delle altre varietà, questa solitamente viene fatta seccare sulla pianta e poi utilizzata per la produzione del vincotto. La buccia sottile, quasi trasparente, infatti, la rende poco idonea al trasporto e alla conservazione.

Uva Pizzutello
Uva Pizzutello

Uva pizzutello. Sebbene la sua produzione sia piuttosto limitata, è impossibile non citare questa uva dalla polpa soda e croccante e dagli acini di forma allungata. Il suo retrogusto di vaniglia la rende particolarmente adatta per essere consumata a tavola.

Uva Apulia rose
Uva Apulia rose

Apulia Rose. Acini di forma perfettamente sferica, grandi grappoli che possono pesare fino a 800 grammi e un colore rosa intenso: ecco le caratteristiche di questa uva tipicamente pugliese.

Uva Michele Palieri
Uva Michele Palieri

Uva Michele Palieri. Prende il nome da colui che per primo la realizzò incrociando due diverse cultivar, è una delle più diffuse in Italia, particolarmente adatta al trasporto per via della sua buccia soda.

Uva Autumn Royal
Uva Autumn Royal

Uva Autumn Royal. Gli acini, dal sapore delicato e dalla polpa soda, sono tra i più grandi che potete vedere. Il suo colore nero intenso attirerà la vostra attenzione e sarete felici di sapere che è senza semi.

Uva fragola
Uva fragola

Uva fragola. Dolce e dal retrogusto di fragole di bosco, è ideale per la preparazione di dolci e in commercio si trova in diversi colori, dal dorato al nero.

Uva sultanina. È la varietà da essiccazione per eccellenza. Naturalmente priva di semi, viene coltivata per lo più attorno al bacino del mediterraneo orientale. Provatela con la nostra ricetta dell’uvetta sotto spirito!

Uva da tavola victoria
Uva da tavola victoria

Uva Victoria. I suoi grappoli possono arrivare a pesare un chilo e si trova in vendita già tra la fine di luglio e gli inizi di agosto. Dal colore dorato, i suoi acini sono grandi e sodi.

Uva Lugliatica. Come dice il nome può essere coltivata già a partire dal mese di luglio. Ha grappoli molto grandi e dorati e una polpa succosa e zuccherina.

Uva Zibibbo. Tipica della Sicilia, oltre ad essere utilizzata per la produzione del noto vino, è ottima anche per il consumo da tavola. Dai grappoli dorati, ha un sapore molto intenso e aromatico.

Mai più dieta punitiva! Scarica QUI il ricettario light di Primo Chef.

Il ricettario d’autunno per piatti gustosi e profumati

TAG:
consigli alimentari

ultimo aggiornamento: 22-09-2020


Cottura in forno: come sfruttare al meglio tutti i ripiani?

Come formare i panetti della pizza: staglio, puntata e appretto